Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

OLZAI. Un ricordo del professor Pietro Soro, a dieci anni dalla scomparsa

Il chirurgo olzaese morì all'età di 59 anni, il 30 settembre 2007

| di Giangavino Murgia
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

OLZAI. Dieci anni fa moriva prematuramente il professor Pietro Soro, ma il ricordo del chirurgo e docente universitario olzaese è ancora vivo in coloro che hanno avuto modo di apprezzarne le doti professionali e umane.

Era sempre disponibile con tutti e viveva la sua professione come una missione. Molto stimato dai pazienti e dagli studenti universitari, è stato un raro esempio di generosità d'animo, di umanità e professionalità e un punto di riferimento per molti conterranei, oltre che per innumerevoli pazienti da lui trattati in sala operatoria a Sassari e nella Penisola.

Al servizio esclusivo della sanità pubblica, aveva raggiunto le massime cariche ospedaliere e accademiche, senza mai dimenticare il suo paese nativo.

Quando veniva interpellato dai malati provenienti da Olzai e da altri paesi della Barbagia, trovava sempre uno spazio nella sua agenda già fitta di appuntamenti e si adoperava per risolvere i problemi di salute, sovente di non facile soluzione. Anche nei casi più complicati, non lesinava parole di conforto e di incoraggiamento nei confronti dei malati e dei familiari.

Ma la domenica pomeriggio del 30 settembre 2007, mentre stava concludendo una relazione in vista di una imminente conferenza regionale, la sua vita fu improvvisamente stroncata da un attacco cardiaco, lasciando nello sconforto la moglie Grazia con la figlia diciassettenne, e un vuoto incolmabile tra i familiari e gli amici più cari.

La notizia della sua scomparsa suscitò una profonda commozione negli ambienti sanitari e nel mondo accademico. Il giorno successivo, fu allestita la camera ardente nell'Aula Magna della Facoltà di Medicina di Sassari, che divenne meta di un continuo pellegrinaggio di studenti e docenti increduli per l'improvvisa scomparsa del loro caro professor Soro.

Il due ottobre, nella chiesa di Cristo Redentore del quartiere di Carbonazzi di Sassari, si svolsero i funerali. Una folla commossa rese omaggio a un galantuomo che aveva dedicato oltre trent'anni della sua intensa carriera ad alleviare le sofferenze dei malati.

Il professor Pietro Soro è stato uno dei medici più conosciuti e stimati di Olzai. Merita pertanto di essere ricordato come esempio alle nuove generazioni e, particolarmente, agli studenti di medicina e a tutti gli operatori del mondo sanitario.

 

Era nato a Olzai, dove ha vissuto fino al 1967

Il professor Pietro Soro, quinto di nove figli cresciuti in una famiglia di esemplare onestà e laboriosità, era nato a Olzai il 23 ottobre 1948 nel rione di Drovennoro.

Frequentò l'Asilo infantile San Vincenzo e le scuole primarie, dimostrando subito brillantezza di mente e una sicura propensione per gli studi.

All'età di dieci anni rimase orfano del padre Salvatore, ma riuscì a proseguire con profitto gli studi ginnasiali nella Penisola. A Nuoro conseguì la maturità classica, anche grazie ai grandi sacrifici di sua madre l'indimenticabile zia Giovannica Marceddu, donna di grande intelligenza e coraggio.

Alla fine degli anni Sessanta, l'intera famiglia dovette abbandonare a malincuore Olzai per trasferirsi a Sassari. Pietro proseguì gli studi universitari laureandosi nel 1974 in Medicina e chirurgia, e mantenendo un costante legame con il suo paese di origine.

 

Per trent'anni al servizio della sanità pubblica universitaria

Dopo la laurea, il dottor Pietro Soro si era specializzato nel 1979 in Chirurgia generale e nel 1985 in Chirurgia vascolare. Successivamente, conseguì l'idoneità Primariale di Chirurgia generale e in Chirurgia vascolare. Dalla fine del 1974 al marzo 1976, fu anche Assistente universitario incaricato.

Assistente e aiuto ospedaliero di Chirurgia generale dal 1976 al 1993, con incarichi nella Scuola di specializzazione in Chirurgia dell'apparato digerente ed endoscopia digestiva e in Chirurgia generale.

Sempre a Sassari, dal 1985 al 1992 è stato professore a contratto di Fisiopatologia chirurgica e nella Scuola di specializzazione in chirurgia generale, dal 1985 al 1992.

Dal novembre 1991 al 1 novembre 1993, aveva ricevuto il Comando in Chirurgia generale dell'Università di Udine dove, alla fine del mese di settembre del 1993, ottenne anche la supplenza di Chirurgia pediatrica per gli anni accademici 1993/98.

Professore associato in Fisiopatologia chirurgica, prese servizio a tempo pieno il primo novembre 1993, con afferenza presso l'Istituto di patologia chirurgica dell'Ateneo di Sassari. Dal novembre 1991 all'aprile 1997 aveva svolto attività didattica presso l'Università di Sassari e di Udine come docente di Chirurgia pediatrica e nella Scuola di specializzazione in Chirurgia generale.

La sua attività clinica a Udine (rinomata anche per il supporto psicologico che offriva ai pazienti e ai familiari), è stata caratterizzata da un notevole impegno nella chirurgia d'elezione, d'urgenza e nel centro trapianti (di rene e di fegato), come primo e secondo operatore, sotto la guida del professor Fabrizio Bresadola, considerato un luminare della medicina e chirurgia e per un biennio componente del Consiglio superiore di sanità.

Nel mese di maggio del 1997 il professor Soro rientrò definitivamente in Sardegna, riprendendo servizio a tempo pieno in Patologia chirurgica a Sassari e ricoprendo anche la supplenza di Chirurgia geriatrica. È stato anche titolare dell'insegnamento di Fisiopatologia chirurgica e docente nelle Scuole di specializzazione in chirurgia dell'apparato digerente ed endoscopia digestiva, chirurgia toracica, anestesia e rianimazione, cardiochirurgia e oncologia medica.

Aveva partecipato a numerosi congressi nazionali ed internazionali ed è stato autore di 265 pubblicazioni, nonché autore o coautore di sette volumi e trattati di interesse chirurgico.

Nel marzo del 2003 la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Sassari aveva effettuato la chiamata a suo nome, poiché il chirurgo di Olzai era risultato vincitore del concorso indetto dalla stessa Università, per la copertura di un posto di professore di prima fascia nella disciplina Med /18 (Chirurgia generale).  

Dal 1° agosto 2003 era stato nominato direttore della Chirurgia generale della grande obesità e patologie correlate del Policlinico Universitario di Sassari. Il 1 gennaio del 2005 aveva preso servizio, a tutti gli effetti, come professore ordinario di prima fascia della Facoltà di Medicina e Chirurgia.

L'ultimo importante incarico ricevuto dal professor Pietro Soro risale al dicembre 2006, quando fu nominato direttore del Dipartimento ad attività integrata chirurgie speciali del Policlinico Universitario di Sassari.

Giangavino Murgia

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK