Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

ORGOSOLO. Oggi la prima proiezione regionale del docufilm «A Bolu» sul canto a tenore in Sardegna

Alle ore 21:30 nell’Auditorium comunale, con la presenza del regista, autori e produzione della Karel Film

| di Giangavino Murgia
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

ORGOSOLO. Questa sera, alle ore 21:30, nell’Auditorium comunale di Orgosolo (piazza Caduti in guerra) sarà proiettato – per la prima volta in Sardegna – il docufilm “A Bolu” prodotto dalla società cagliaritana Karel.

Alla serata saranno presenti regista, autori e produzione. 
Una proiezione particolare, quella nel centro barbaricino: è proprio qui che, sette anni fa, in occasione delle riprese di un altro docufilm, i produttori e il regista hanno avuto modo di conoscere e approfondire mondo del canto a tenore e i suoi protagonisti. 

Il film “A Bolu”, della durata di 100 minuti, è interamente girato a risoluzione superiore al 4K e finalizzato in 4K 2.40:1. Le registrazioni sono state effettuate in presa diretta. La regia e il montaggio sono di Davide Melis, la direzione scientifica e artistica è curata da Sebastiano Pilosu, la fotografia è di Luca Melis, operatori di camera Luca Melis e Maurizio Abis, l’aiuto regia è Emanuel Cossu. Il sound design è stato realizzato da Marco Rocca.

«Il canto a tenore è un’espressione di quattro persone che cantano insieme: solista, bassu, mesu boghe, e contra. Il solista canta una poesia, gli dà una melodia, un’interpretazione personale, una nota chiave, e il tenore risponde all’accordo». Comincia così, con la semplice definizione dei cantori orgolesi Franco Davoli e Antonio Garippa.

Il docufilm “A Bolu” è stato presentato in anteprima nazionale il 1 giugno a Monselice (Padova) per la mostra del cinema documentario Etnofest e oggi sarà presentato a Orgosolo: «Solo dopo l'incontro con Franco Davoli e il Tenore Supramonte di Orgosolo e, poco dopo, con Sebastiano Pilosu, oggi consulente e coautore del docufilm, ho avuto modo di conoscere questo mondo dall’interno – così Davide Melis - scoprendo come il canto a tenore non sia mera rappresentazione folcloristica, o riproposizione di tradizioni ormai scomparse, ma una pratica viva, capace di raccontare (ed essere) una realtà sociale e culturale in continua evoluzione».

«Orgosolo significa storia e sostanza del tenore, qualità e passione del canto oltre a un grande numero di cantori – sottolinea Sebastiano Pilosu, direttore artistico e scientifico del docufilmOrgosolo poi festeggia quest'anno i 50 anni di Pratobello, una delle pagine più belle della storia sarda, e il Tenore Supramonte canta nel film “Sa lota de Pratobello” di Peppino Marotto, una poesia, un racconto, un quadro». 

Realizzato grazie a un contributo sul bando IdentityLAB dell’Assessorato regionale alla Cultura della Regione Sardegna e in collaborazione con Sardegna Film Commission, “A Bolu” è stato creato come un racconto corale nato direttamente dalla voce dei suoi protagonisti, uomini e ragazzi di tutta la Sardegna che lo hanno ereditato, lo praticano e lo tengono vivo ogni giorno, soprattutto lontano dai grandi palchi e dalle esibizioni di spettacolo. 

Tra i tenores coinvolti nel film ci sono, in ordine di apparizione, Su Hussertu di Mamoiada, Su Cuntratu di Seneghe, Santa Maria di Ottana, Sa Niera di Pattada, Nunnale di Orune, Santu Pretu di Loculi, Santa Caterina di Dorgali, il tenore Supramonte di Orgosolo e Santa Rosulia di Benetutti.

Compaiono, inoltre, il Cuntratu Santa Maria di Seneghe, Sant’Elena di Dorgali e Sos Isteddos di Pattada.

A tutti loro il ruolo di testimoni del canto, considerato oggi tra le espressioni artistiche più autentiche e antiche in Sardegna e che nel 2005 è stato inserito nella lista dei capolavori immateriali dell’Unesco. Un patrimonio, quello sul canto a tenore, che è anche un patrimonio di versi e poesia: grazie alle voci dei cantori rivivono i testi di Peppino Marotto, Luca Cubeddu, Paulicu Mossa, Peppino Mereu, Raimondo Piras e tanti altri. 

Il progetto è realizzato in collaborazione con l'Associazione Tenores Sardegna, con la società di servizi informatici Arionline, la Fondazione Sardegna e Film Commission. Partner tecnico Bibigula di Maurizio Abis, media partner YouTg e Tv dei Comuni.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.abolu.eu o contattare la Karel Film Production & Comunication – Cagliari tramite email info@karel.it

Giangavino Murgia

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK