Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

FONNI. Le trote d'alta montagna ricevono l'Oscar Green della Coldiretti

Alla troticoltura di Stefano Serusi il premio nella categoria Campagna Amica

| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

L'azienda la Troticoltura di Stefano Serusi di Fonni si è aggiudicata il 20 settembre scorso l'Oscar green all'interno delle selezioni regionali 2019, nella categoria Campagna Amica del concorso promosso da Coldiretti Giovani Sardegna e riservato ai giovani che portano avanti idee d'impresa agricola (in questo caso ittica) innovative . Trote d'alta montagna grazie all'allevamento  in un laghetto a mille metri sopra il mare, dove si può anche pescare e cucinare autonomamente nell’area verde per picnic. Il premio è stato consegnato nella cornice dell'isola dell’Asinara, in un evento che ha visto protagoniste altre cinque aziende sarde davanti a circa 200 giovani agricoltori. Sei gli Oscar green in palio, ciascuno in rappresentanza di una categoria. Sono andati a Fragus e Saboris di Frediano Mura di Sadali, azienda che certifica bio che ha vinto la categoria Impresa4.terra con il Gin elettrico, mai realizzato prima, che riesce a dare la sensazione di ricevere micro scariche elettriche al palato di chi lo assaggia. Inoltre il giovane laureato in filosofia, che ha creduto nel suo territorio dove sta realizzando con successo il suo progetto di vita, ha scoperto anche resine naturali, ottenute dalla trasformazione ad alte temperature degli scarti di lavorazione delle piante aromatiche officinali, da impiegare nel processo di vetrificazione delle ceramiche. Una novità assoluta per gli operatori del settore.

Al birrificio Marduk di Irgoli nella categoria Sostenibilità, azienda che chiude la filiera in azienda, producendo la birra dal campo alla bottiglia e utilizzando anche gli scarti di lavorazione per alimentare i propri animali. All’azienda agricola Canapesia di Stefano Scanu di Marrubiu nella categoria Creatività, dove si coltiva canapa sativa dalla quale si producono diversi tipi di liquore. L’azienda agricola di Fabio Barbato di Castiadas nella categoria Fare rete, ha stretto un accordo di filiera di prossimità e virtuoso con il resort Santa Giusta, situato nella Costa rei, la prima struttura turistica in Italia che ha ricevuto la certificazione iso 14001 per zero impatto ambientale. Gli studenti dell’Istituto Comprensivo 4 di Oristano, nella categoria Noi per il sociale,  insieme a Campagna Amica Oristano e alle aziende agricole hanno inventato un progetto di educazione alimentare a ritmo di musica e di rappresentazioni teatrali in cui sono riusciti a raccontare e valorizzare il consumo del cibo e le sue qualità.

“Ancora una volta Oscar green ci ha regalato tante nuove idee e tanti progetti vincenti di giovani che hanno creduto nella terra e con fatica, sudore e tante difficoltà ce l’hanno fatta – dice il delegato regionale di Coldiretti Giovani Impresa Angelo Cabigliera -. Spesso sono giovani che dopo essersi laureati anche fuori dalla Sardegna, hanno creduto nella propria terra, hanno osato e hanno vinto, tra mille difficoltà, la propria sfida e lo hanno fatto con progetti innovativi, a volte temerari. E in alcuni casi lo hanno fatto in territori dell’entroterra, afflitti dall’emorragia dello spopolamento”.  

Le finali si sono svolte grazie alla collaborazione di Coldiretti Sardegna con l’amministrazione comunale di Porto Torres, del parco nazionale dell’Asinara e della compagnia di navigazione Delcomar. 

“Un premio che fa bene all’agricoltura – sottolinea il presidente Battista Cualbu – che fa emergere belle realtà giovani e attività agricole interessanti e sconosciute fino a qualche anno fa. Ragazzi che vanno avanti nonostante tutte le difficoltà a cominciare da un sistema burocratico che oltre a soffocare disincentiva l’attività imprenditoriale, per non parlare delle intemperanze climatiche che soprattutto in questi ultimi anni si stanno presentando con una frequenza ravvicinata e costante più che nel passato. Ma nonostante ciò la volontà e l’attaccamento alla terra di questi ragazzi si sta dimostrando superiore grazie a idee forti sulle quali si formano e lavorano”.

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK