Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Oltre 50mila imprese e professionisti avranno l’obbligo di accettare pagamenti elettronici tramite POS

Murgianu: “Attenzione alla scadenza del 30 giugno: per ora nessuna proroga ma sono necessarie modifiche urgenti”

| di Federico Marini, Ufficio Stampa Confartigianato Imprese Sardegna
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

In Sardegna, dal 30 giugno, oltre 50mila imprese e professionisti avranno l’obbligo di accettare pagamenti elettronici tramite POS.

Quindi, fra poco più di un mese, l’idraulico che effettua la riparazione domestica, la bottega della frutta sotto casa o un professionista che chiede l’anticipo spese, dovranno dotarsi del lettore di bancomat e carte di credito per accettare, obbligatoriamente, pagamenti per importi superiori ai 30 euro.

“La comunicazione sta passando sotto traccia ma è assolutamente importante: ogni impresa, dagli artigiani, ai commercianti fino ai liberi professionisti, entro la fine del prossimo mese dovranno munirsi di una apparecchiatura POS per pagamenti con carte di credito, di debito e bancomat”, sottolinea preoccupato Luca Murgianu, Presidente di Confartigianato Imprese Sardegna, “Ovvero dal primo luglio ogni pagamento, per prodotti e servizi, superiore ai 30 euro dovrà avvenire tramite il terminale, fisso o in mobilità, che accetta carte con “banda magnetica” o “microchip”” precisa il Presidente di Confartigianato.

L’obbligo è parte di un provvedimento, il Decreto Legge n.179/2012, convertito poi in Legge con il “Mille Proroghe”, che “mira ad agevolare la diffusione della moneta elettronica in Italia”.

“Se innovazione deve essere, che sia a vantaggio di tutti e non totalmente a carico degli artigiani – sottolinea Murgianu - purtroppo ci rendiamo conto di come l’investimento iniziale non sia indifferente, anche se è da leggere positivamente la notizia del Ministero che “come richiesto dall’Unione Europea, dal prossimo 29
luglio, il costo delle commissioni delle transazioni effettuate tramite POS, sarà ridotto: per le carte di debito non supererà lo 0,2% mentre per le carte di credito non si andrà oltre lo 0,3%””.“Rimane il forte dubbio che poi – precisa - ciò che non si paga sulla transazione venga pagato sotto altre forme”.

Per Confartigianato Sardegna, rimane però un provvedimento che non incentiva l'innovazione e obbliga a sistemi che per alcune attività risultano addirittura obsoleti. Per l’Associazione, infatti, sarebbe auspicabile, nei tempi brevi, usare sistemi di pagamento elettronici tramite email e smartphone piuttosto che obbligare al POS.

A livello nazionale, l’Associazione Artigiana si è attivata per chiedere in primis uno slittamento, anche se al momento non si è in grado di prevedere se e quando ci sarà; inoltre è stato proposto l’innalzamento dell’importo minimo per il quale si applica l’obbligo (da 30 a 50 euro) ma soprattutto l’abbattimento dei costi di gestione.

Per evitare la corsa dell’ultimo minuto e non incorrere in eventuali sanzioni, Confartigianato Imprese informa che gli uffici territoriali dell’Associazione in tutta la Sardegna, sono a disposizione di imprese e professionisti per fornire informazioni sul POS e supporto per l’attivazione del sistema di pagamento elettronico.

Federico Marini, Ufficio Stampa Confartigianato Imprese Sardegna

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK