Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Fiabe e leggende sarde: da Grazia Deledda a «Sardinian Folk Tales»

I racconti della Barbagia e di altre regioni isolane, rivisitati in versione bilingue da Carlo Mulas e David Paul III Sommers

| di Giangavino Murgia
| Categoria: Letteratura
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

OLZAI. Nella seconda metà dell’Ottocento anche in Sardegna, come nel resto d’Europa, si assistette a un rinnovato interesse per le fiabe, le leggende e le novelle popolari locali.

Coordinato da Angelo De Gubernatis, demologo e orientalista, nonché fondatore e direttore di “Natura ed Arte” e della “Rivista delle tradizioni popolari italiane”, prese vita in quegli anni un progetto volto a diffondere tra il pubblico italiano e internazionale la narrativa tradizionale sarda, cui presero parte studiosi e appassionati quali, solo per citarne alcuni, Pier Enea Guarnerio, Francesco Mango, Filippo Valla e la giovane Grazia Deledda.

Nel presentare la sua raccolta di fiabe e leggende sarde, pubblicata tra le pagine della rivista romana “Natura ed Arte” nel 1894 e ormai divenuta un classico della narrativa popolare letteraria, la Deledda scriveva: «Contos de fuchile (racconti da focolare) con questo dolce nome che rievoca tutta la tiepida serenità delle lunghe serate famigliari passate accanto al paterno camino, da noi vengono chiamate le fiabe, le leggende e tutte le narrazioni favolose e meravigliose, smarrite nella nebbia di epoche diverse dalla nostra».

«Il popolo sardo – proseguiva la scrittrice barbaricina – specialmente nelle montagne selvagge e negli altipiani desolati dove il paesaggio ha in se stesso qualcosa di misterioso e di leggendario, con le sue linee silenziose e deserte o con l'ombra intensa dei boschi dirupati, è seriamente immaginoso».

Le atmosfere e le tematiche contenute nelle fiabe e nelle leggende sarde raccolte dalla Deledda, dal Guarnerio, dal Mango e dal Valla, rivivono in una nuova edizione bilingue italiano-inglese curata da Carlo Mulas e David Paul III Sommers intitolata Fiabe e leggende sarde - Sardinian Folk Tales (edito da pipius.com in collaborazione con Indibooks).

Grazie a internet e alla versione a fronte in inglese, lingua oramai diffusa globalmente, Fiabe e leggende sarde - Sardinian Folk Tales permette alle persone di tutto il mondo di entrare in contatto con il patrimonio culturale sardo e di conoscere alcuni dei più suggestivi racconti tradizionali e popolari della Sardegna, provenienti dalla Barbagia e dalle altre regioni dell’Isola.

Fiabe e leggende sarde - Sardinian Folk Tales: gli autori

Carlo Mulas è laureato in Filosofia e ha conseguito il Master in Web Journalism e comunicazione. PhD in Storia delle scienze, svolge la propria ricerca accademica sulle interconnessioni storiche e sociali tra cultura locale e conoscenza globale. In qualità di Digital Publisher e Web Copywriter si occupa di editoria e scrittura digitale. Autore di romanzi e racconti fiction in italiano e in sardo, ha vinto i più importanti concorsi letterari della Sardegna, tra i quali il Premio Ozieri e il Premio Montanaru di Desulo.

David Paul Sommers III ha studiato Lingue e Comunicazione presso l’Università di Cagliari. Nato negli USA e sardo per via materna, possiede una profonda conoscenza della lingua italiana e di quella inglese. Docente di Lingua Inglese, ha realizzato numerose traduzioni nelle due lingue.

Sardinian Folk Tales: la cultura sarda non ha più confini

Il libro, dal mese scorso disponibile su Amazon.it anche nella versione in lingua inglese in formato cartaceo e digitale, sta riscontrando un buon successo di vendite in tutto il mondo, a riprova dell’interesse che la cultura sarda ha anche ben al di là dei confini dell’Isola e della necessità di realizzare un programma d’ampio respiro per tradurre e divulgare il patrimonio sardo a livello globale.

Giangavino Murgia

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK