Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

La prefazione di Francesco Casula a "Su sardu totunu", il saggio dell'ollolaese Michele Podda

| Categoria: Letteratura
STAMPA
Michele Podda e Francesco Casula

Su sardu totunu Michele Podda, ollolaese, una vita dedicata all’insegnamento, con qualche scorribanda e incursione nella politica e nell’Amministrazione locale – è stato fra l’altro sindaco del suo paese –, fin dagli anni ’70 coltiva lo studio della lingua sarda. E scrive poesie. Sempre in sardo. Anzi: è valente poeta, plurivincitore di molti Premi letterari. Nonostante lui si schernisca definendosi, con modestia, “rimatore”. Ora ci sorprende. E ci delizia. Regalandoci questo interessante e utilissimo pamphlet sulla politica linguistica in Sardegna: insieme di denuncia e di proposta. Con una precisa pars destruens e una costruens. L’una e l’altra si possono condividere o meno. Certo è che pone cocenti e ineludibili problemi e questioni, se vogliamo “salvare” la lingua sarda ormai, secondo Podda alla “morienza”: L’afferma, in modo apodittico fin dalla premessa: la lingua sarda sta morendo definitivamente. La critica, corrosiva e, talvolta impietosa, è rivolta a più parti e a soggetti plurimi: ai politici, frimos in sa dipendentzia dae s’Italia in totu, puru in sa limba, alla Regione sarda, agli stessi studiosi e intellettuali. Vengono accusati di pressapochismo e di superficialità. E di troppa fretta: specie i burolinguisti. Che hanno massacrato la vera lingua sarda parlata da tutti i sardi con lo scopo di poterla utilizzare subito in contesti nuovi e inadatti quali sono quelli culturali e burocratici, piegando in modo forzato e ottuso a modi e forme che non le appartengono. Gli strali sono rivolti in modo particolare contro la LSC (Limba sarda comuna), che at pesadu unu bulluzu de s’ateru mundu. Perché la legge bona de sé, no s’at tiradu su bonu cherrer de medas sardos. E contro sos ofitzios de sa limba sarda: composti da giovani a bortas puru bolontadosos e capassos, ma messi lì a pistar abba e a moler bentu…est dinare perdiu. La critica potrebbe sembrare ingenerosa, anche perché, per quattro soldi, molti di questi giovani fanno un lavoro importante. Ma Podda precisa: non pro curpa issoro, ma de chie l’at cumandau e los at postos a fagher. Il reato di cui vengono imputati i burolinguisti? Aver ridotto il Sardo a italianu porcheddinu. Ti sembra Sardo, si chiede Podda, disponimentu, ispetaculu, contribbutu? O è italiano con qualche “s” o “u”? Dunque, unu sardu burdu? Semus istropiande sa limba sarda – annota amaramente Michele – cun s’italianu o ateras limbas de foras. Ma no est solu sas allegas italianas, chi dan malicore a sa limba nostra, est puru sa manera de las ponner paris, a sa moda italiana chi faghet dannu. Infatti per “Improvviso” scriviamo “A s’improvisu” e non “Totu in unu”; per “Tutto il giorno” “Tota sa die” e non “A die intrea” ecc. Al !”Che fare” all’ite fagher tando, risponde con proposte precise e analitiche: intanto iniziando a collire totu sa limba. In cada bidda. Cun pessones capassas. Cun chircadores bene istruios.Cun zente manna. E Con la supervisione di una cumissione de espertos de limba. E’ infatti urgente l’esigenza di tornare a sa limba “de su connotu”, a totu su sardu, de donzi parte de Sardinna, de totu sos sardos. Solu gai sa limba podet mantenner totu sa bellesa chi tenet, cun ditzos, modos de narrer, allegas e paraulas e fueddos de cada zenia, chi sun una richesa de non perder mai. Ma non basta. Puru sos ditzionarios si depen illimpiare dae totu s’italianu chi jughen intritziu in mesu, cumente erba mala, chi si chi pitzigat e si che tirat su sutzu bonu, ochidende sa limba nostra. Per cuncruire l’Autore fa una proposta netta e inquivocabile: una leze chi ponet sa limba sarda de obrigu in s’iscola, nessi duas oras a chida totue, dae s’iscola prus minore a sa prus manna. E’ il vecchio sogno di Cicitu Masala, il nostro più grande poeta e scrittore etnico che, soprattutto negli ultimi anni, quasi in modo ossessivo ripeteva che senza l’introduzione del sardo a scuola, come materia curriculare, la nostra lingua è destinata ineluttabilmente a estinguersi. E se muore la nostra lingua, muore anche il popolo sardo. Perché – cito ancora Masala – “a unu populu nche li podes moer totu e sighit a bivere ma si nche li moes sa limba si nche morit”. In ciò converge totalmente Michele Podda quando scrive: Depimus pessare a su bene nostru prus galanu, prus securu chi abbarrat pro semper. Si rennessimus a fagher custu, de sarvare sa limba nostra an a esser cuntentos sos sardos de s’antigoriu, sos de sos nuraghes, sos chi sun mortos gherrande contra inemigos de cada zenia, sos chi an mantesu sa sardidade contra a sos italianos de prima e de como, contra a custos chi sun sos prus traitores de totus, ca no che l’an belle segada sa limba. Bolontade a sarvare sa limba pro sarvare sa zente, ca si no paris cun sa limba no che pigan puru su restu, cumente an sempre fatu e sun faghende puru oe prus de prima. A ùrtimu no che pican puru sa terra, su mare e sas agheras. Si mantenumus sa limba non poden facher su chi cheren issos, ca rennessimus a nos poderare e a los torrare in secus.. In “Su sardu totunu” c’è tutto questo: ma anche molto altro. Per questo occorre leggerlo e rileggerlo. Quasi abitarlo. Per capirlo fino in fondo. Ci sono persino pagine esilaranti. Con “Gli uovi freschi” o “Le fiche pronte e mature”. Ci sono secchi e fulminanti lacerti socio-antropologici per spiegare il perché del “rifiuto” del sardo: straordinari, da questo punto di vista, i passi in cui l’Autore ricorda frammenti di vita della madre gherrande cun sete o oto fizos, impadeddande cada die, sapunande in su sapunadorzu a cofas de roba roba, movende s’arregore a tiros de matzola…o del padre, ispentumau in mesu de baddes e de montes, semper solu cun su bestiamene, o sanu o malaidu a pesare a murgher a manzanu prima de arvescher, e faghende casu e recotu e ponende unu zantzi de ortu, e gherrande cun porcos, a che tirare carchi cosa puru dae cue… Come dire: si rifiuta il sardo perché identificato con la fatica, la povertà, la vita dura dei nostri genitori e dei nostri paesi: bida chi non pariat bida.

Francesco Casula 

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK