Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Sant'Antoni de su ocu: tutto pronto in Barbagia per la grande festa che da il via al Carnevale

| di redazione
| Categoria: Territorio
STAMPA
Fonni. Foto di Tonino Coinu

Domani 16 gennaio, si festeggia Sant’Antonio Abate. Meglio conosciuto come “Sant’Antoni ‘e su ‘ocu”, il Santo del fuoco (anche se il giorno della festa è il 17). In tutti i paesi della Barbagia verranno accesi i fuochi. La tradizione è simile nei diversi Comuni. Il fuoco di San’Antonio da anche il via al Carnevale. In un sincretismo religioso unico dove s’incontrano paganesimo e cristianesimo. Festa ancestrale ricca di misteri e riti propiziatori, luogo magico e ribelle dove è palpabile la profonda fede cristiana e la magia di riti di una Sardegna antichissima. La festa prevede la Messa e la successiva processione e benedizione, con tre giri dei fedeli intorno al fuoco. Con l’accensione del grande falò si da il via ai festeggiamenti civili. 

A Fonni la festa è organizzata dal priorato di Santa Croce e il fuoco come da tradizione si farà nella pizza omonima. Dopo il rito religioso si invita alla popolazione il dolce "pane ‘e sapa". Anche a Lodine l’organizzazione è affidata ad un priore, che può contare ogni anno nell’aiuto del comitato e di volontari. Dopo la benedizione del fuoco in piazza Sant’Antonio, sarà offerto su “co’one de Sant’Antoni” a tutte le famiglie, e successivamente si da il via a una cena comunitaria. A Ovodda appuntamento nella piazza della Chiesa principale. Dopo la benedizione e i tre giri, ci sarà il consueto momento conviviale a base di "pane e sapa". A Gavoi è la piazza sant'Antonio ad ospitare il grande falò Dopo la messa nella chiesa di San Gavino è lì che i fedeli si spostano per la benedizione, l’invito a base di "co’one un sapa"e la cena. A Ollolai è compito della famiglia del priore sia la preparazione del grande falò che l'invito a base di pistiddu che viene offerto nella piazza antistante l'antica chiesetta di Sant'Antonio, al centro del paese. Tradizione un po’ diversa a Olzai: qui si accendono, diversi fuochi da parte di comitati spontanei del vicinato. Il dolce tipico è su "co’one un sapa". A Sarule invece il fuoco principale si farà in piazza San Michele preparato dal priore. Ma ci saranno anche altri fuochi nei vari rioni che saranno valutati e premiati dalla Proloco. Orani, patria de "Sos bundhos", con i fuochi nei rioni del paese e quello principale di fronte alla Chiesa del Rosario, festeggia con "sa prima essida" delle maschere tradizionali. Gli organizzatori, dopo che il rito attorno ai fuochi viene concluso, offrono pistiddu e vino ai fedeli e dopo la cena a base di "essica". Anche a Oniferi sant’Antonio coincide con la prima uscita della maschera de su Maimone, e i vari fuochi nei vicinati. 

redazione

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK