Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Orotelli ricorda Larentu Pusceddu

| Categoria: Arte
STAMPA
printpreview

In ricordo dello scrittore  Larentu Pusceddu (nato a Orotelli  nel 1947 e morto a Roma  appena un anno fa), si svolgerà a Orotelli, il prossimo 4 di febbraio alle ore 16, un convegno in cui sarà presentato un suo romazo inedito, S'ARZOLA DE S'ENA, fresco di stampa a cura delle edizioni Papiros, organizzato da Papiros edizioni e dal Comune. Lo presenteranno e ne parleranno: Nannino Marteddu, sindaco, Mariàngela Salis, assessore della Cultura, Diegu Corràine, direttore editoriale di Papiros edizioni, Jubanne Piga, scrittore, Vittorio Sella, giornalista e scrittore, Antoni N. Garau, operatore linguistico. Nell'incontro, che avverrà nel Centro Polivalente “F. Pintus” di Orotelli in via Santa Croce, sarà ripercorsa la straordinaria avventura letteraria di Larentu Pusceddu, iniziata con l'ellepì “Dae s´umbra de s´istoria” e proseguita con “S’àrvore de sos Tzinesos” , primo romanzo pubblicato in sardo, nel 1982, e poi “Mastru Taras”
(1991), “Su belu de sa bonuara” (2001), “Pipinidas e iscazas” (2005), “Dona Mallena” (2007), “Su canticu de su Pane” (2008), “Sordadu Nangu”
(2011). 
Nell'intervista —che possiamo considerare come un suo testamento letterario—concessa  nel maggio 2015 alla rivista in sardo EJA, Larentu Pusceddu aveva annunciato: “Apo zae finidu un’ateru romanzu chi dia cherrer titulare “S’arzola de s’ena”. Est unu viazu fantasticu in su chelu de omines, in ue abbojo a babbu a mama, a sos parentes mios e totu sos bichinos de cando fipo minore e chin totu issos mi ponzo a faeddare de su passadu e de su tempus benidore”. Il romanzo che sarà presentato si conclude e “giustifica” con queste  parole significative: “L’apo fattu pro chi sos ammentos de sa
pitzinnia mia, craros che chelu serenu, aren, in custas pazinas, torradu a bios pro semper sos chi apo istimadu, destinados, si nono, a s’olvidu prus fungudu e fortzis cun s’isperantzia, chi calicunu, unu cras, lu facat peri pro mene.” 
Ma, quasi a volere anche allontanare la morte, Larentu scrive anche che: “Custu libru, lettores istimados, comente bene podides cumprendere, cando l’apo iscrittu fipo galu in bida in custa terra, inue m’augùro de b’arreare ateros chent’annos.” L'incontro di Orotelli sarà certamente un'occasione per familiari, amici, conoscenti, compaesani e sardi di ogni paese, amanti del sardo e della sua letteratura, di ricordare la lunga carriera letteraria di
Pusceddu ma anche di affermare che “sa Limba alimentat sa Literadura e custa agiuat sa Limba a crèschere.” 

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK