Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

ORANI. L’inaugurazione della mostra «Il giovane Delitala»

Nell’ambito delle celebrazioni del 130° anniversario della nascita del grande artista oranese

Arte
Condividi su:
Giangavino Murgia

ORANI. Questa mattina a Orani, nell’ambito delle celebrazioni del 130° anniversario della nascita del grande maestro Mario Delitala (1887-1990), è stata aperta al pubblico la mostra «Il giovane Delitala».

L’esposizione di ventiquattro opere originali dell’illustre artista oranese è stata inaugurata alla presenza dell’assessore regionale della Pubblica istruzione e cultura Giuseppe Dessena, in rappresentanza della Regione Sardegna, l’istituzione che ha cofinanziato il programma delle celebrazioni in onore di Mario Delitala predisposto dal Comune di Orani.

Dopo aver salutato i presenti, a nome dell’Amministrazione comunale di Orani, il sindaco Antonio Fadda ha ringraziato gli eredi dell’artista per aver messo a disposizione le opere d’arte.

Il vice sindaco e assessore comunale alla cultura Laura Pintus ha illustrato brevemente il percorso della mostra allestita nei locali dell’ex mattatoio di via Gonare, dove è stato esposto anche un autoritratto dell’artista del 1966 e la famosa tempera su cartone originale “Il guardiano della vigna” che il pittore oranese realizzò nel 1913 per conto dell’azienda vinicola Zedda - Piras.

All’inaugurazione della mostra erano presenti alcuni parenti dell’artista scomparso a Sassari all’età di 103 anni, come il figlio Marcello e signora, insieme ai nipoti Francesco e Mario, che durante le giornate celebrative apriranno le porte della casa natale dell’artista, affascinante luogo della memoria, scrigno dei ricordi d'infanzia e della prima gioventù di Mario Delitala.

Il programma delle celebrazioni si concluderà il prossimo 10 dicembre nella sala polivalente dell’ex Valchisone (località Istolo), con lo spettacolo «Un uomo, un secolo» curato dall’Associazione Parola e Musica. Casa di suoni e racconti.

Condividi su:
Giangavino Murgia

Seguici su Facebook