Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

OLLOLAI. Studenti assidui lettori: presentato il progetto "Metti le ali alla nostra fantasia"

Il Comune dona dei libri e prolunga l'orario di fruizione della biblioteca

redazione
Condividi su:

Piccoli lettori protagonisti nel pomeriggio di ieri a Ollolai nei locali della scuola alla presentazione di un progetto che coinvolge tutta la comunità. Ma l’aggettivo “piccoli” è solo legato all’anagrafica, perché stiamo parlando in realtà di grandi divoratori di libri ai quali la biblioteca scolastica non basta più. 

E’ per questo che le insegnanti, hanno voluto assieme a loro, lanciare la campagna “Metti le ali alla nostra fantasia” e coinvolgere la popolazione nel più grande progetto di rinnovamento librario mai attuato nelle scuole di Gavoi, Ollolai, Olzai. 

Libri già conosciuti, e non più attuali, magari che parlano con la dialettica di venti, trenta, quaranta anni fa e che ovviamente non rispondono alle esigenze dei giovani di oggi. Libri da sostituire urgentemente con autori attuali, storie contemporanee, che tanto possono fare anche per far capire ai giovani il presente che stiamo vivendo. 

E non è bastato lo scaffale di trecento libri vinto dalla scolaresca di Ollolai al concorso “Trecento in bando – vinci uno scaffale pieno di libri”, per soddisfare le esigenze dei ragazzi, altri e numerosi sono i volumi richiesti nell’elenco stilato dai professori che puoi consultare a questo link.

Presente il Comune di Ollolai, che tramite l’assessore alla Cultura Maria Laura Ghisu ha consegnato nelle mani dei ragazzi diversi pacchetti di libri. “Il Comune ha immediatamente sposato l’iniziativa – afferma l’assessore – siamo i primi a sostenere i nostri ragazzi in questa loro attenzione verso la lettura, e li incoraggiamo a voler sempre di più. Loro sono dei grandi frequentatori della biblioteca comunale e proprio per rispondere alla richiesta di orari più flessibili, abbiamo messo in bilancio le risorse per tenere aperta la biblioteca in orari più ampi (ora apre anche il martedì e giovedì pomeriggio)”.

Condividi su:

Seguici su Facebook