Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

OVODDA. "Centrali aperte" al Taloro: sabato 22 ottobre

Il programma della manifestazione dell'ENEL

Condividi su:

OVODDA. Sabato 22 ottobre, appuntamento da non perdere con la manifestazione "Centrali aperte" organizzata dall'Enel per far conoscere al pubblico le modalità con cui viene prodotta l'energia elettrica. Un'occasione unica, per visitare gratuitamente gli impianti, trascorrere una giornata in allegria, all'insegna della natura e della cultura ambientale.

Quest'anno, il programma della manifestazione prevede, dalle ore 10:30 alle 17:30, una serie di iniziative che si svolgeranno prevalentemente nella centrale idroelettrica del Taloro.

Dopo l'accoglienza e la registrazione dei visitatori, inizieranno le visite guidate nella centrale idroelettrica a bordo del trenino turistico. Contemporaneamente, inizierà l'animazione per i bambini, con giochi gonfiabili, "trucca bimbi" e "giocoleria". Durante la giornata, si potrà visitare una mostra fotografica sulla costruzione delle dighe e delle centrali del Taloro; l'altra mostra "Sardegna Foreste, i tesori naturali di un'isola" curata dall'Agenzia Forestas e gli immancabili stand di prodotti tipici locali. Enel Energia, curerà invece uno stand dove sarà possibile provare le biciclette elettriche.

La manifestazione, come sempre curata nei minimi dettagli dall'Enel, comprende anche alcune attività sportive: il tiro con l'arco, con esibizione e tiri di prova per tutti, con l'assistenza degli arcieri della società Sardana Archery Team; escursioni in canoa nel lago di Cucchinadorza, con l'assistenza degli istruttori della società CKS Le Saline e un'escursione in mountain bike nei sentieri delle dighe (per informazioni: info@bikingavoi.com).

Dalle ore 13 alle ore 14:30, allinterno della manifestazione "Centrali aperte" funzionerà anche un punto di ristoro e, nel primo pomeriggio, con inizio previsto alle ore 15:00, inizierà l'intrattenimento con i cori polifonici "Zente Sarda" di Ovodda, "Gusana" di Gavoi, "S'Urbale" di Teti e il "Coro di Olzai".

 

Condividi su:

Seguici su Facebook