Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Confindustria incontra gli studenti della Scuola Media di Sarule premiati al Senato

Attualità
Condividi su:
Dal sito di Confindustria Sardegna centrale

Domani alle 10, nella sede dell'Associazione a Nuoro, il presidente Roberto Bornioli, insieme al Consiglio Direttivo dell'Associazione, incontra gli studenti della classe III^A della scuola media di Sarule, nell'ambito di un progetto scolastico sulle prospettive di sviluppo economico e occupazionale del centro Sardegna.
Nel corso dell'incontro sarà presentata una ricerca, realizzata dagli alunni nel corso dell'anno scolastico 2011/2012, dal titolo "Quali prospettive di lavoro nella Sardegna degli ex poli chimici?". Il progetto, presentato a Palazzo Madama lo scorso aprile, è stato selezionato dall'Ufficio Scolastico Regionale per poi essere premiato, insieme ad altre cinque Scuole in tutta Italia, dalla Commissione diritti del Senato nell'ambito del concorso nazionale "Testimoni di diritti". Lo studio rappresenta un'analisi tra passato e presente della storia dell'industrializzazione nell'isola con uno sguardo alle attuali opportunità di sviluppo e valorizzazione delle risorse locali, quali il turismo, l'agroalimentare, l'ambiente e la cultura.
In particolare gli studenti, partendo dalla loro ricerca sul processo di industrializzazione nell'isola, sono interessati a conoscere quali siano le prospettive di sviluppo, anche occupazionali, del nostro territorio.
L'incontro con il presidente Bornioli, richiesto dai ragazzi e dai docenti, vuole essere un momento di scambio formativo e informativo nell'ottica di una concreta ed effettiva integrazione tra la scuola e il territorio. L'incontro, richiesto dai docenti e dagli alunni, è stato accolto con favore dall'Associazione allo scopo di rafforzare il dialogo con le giovani generazioni, diffondere una concreta cultura d'impresa e stimolare una costruttiva integrazione tra istituzioni scolastiche e forze economiche del territorio.

Condividi su:
Dal sito di Confindustria Sardegna centrale

Seguici su Facebook