Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

GAVOI. LIMBA Paràgulas, Identidades, Culturas: su 6 e su 7 de Nadale sa de tres editziones de sa manifestatzione de limba e cultura sarda

| Categoria: Attualità
STAMPA

S'Amministratzione Comunale de Gavoi, Assessoradu de sa Cultura e Identidade, cun s'azudu de su Sòtziu de sa Pro Loco, de sa Commissione Cultura e Identidade, de s'Iscola Superiore Caramu Floris e de sa Regione Sardigna, amaniat, pro su de tres annos, LIMBA Paràgulas, Identidades, Culturas. Ant a essere duas dies dispostas pro sighire a faghere creschere sa connoschèntzia de sa limba e de sos limbàzos. Pro cussu s'Amministratzione gavoesa at detzisu de arresonare de sa limba e de sa cultura sarda in s'isvilupu chi at tentu in su biazu istòricu in costados de sa sotziedade, de sa limba chi ponimus cada die pro chistionare de cada cosa, de sa limba chi iscrivimus, chi cantamus, chi ponimus pro traballare, faghere iscientzia, literadura e arte.

Limba de poetas e iscritores, su sardu, limba pro pitzinnos e mannos, limba de s'afetu e arramenta zusta pro atobiare su mundu, pro cumprendere, istudiare, cantare e contare. Cada limba nos permitet in una manera diferente de leghere e afinicare sas cosas de su mundu. Cando si perdet una limba si perdent sos ocros pro abadiare a cussu mundu.

Custu e meda àteru, tando, at a essere LIMBA – Paràgulas, Identidades, Culturas cun duos atòbios, su 6 e su 7 de nadale, ambos in s'Auditòrium de s'Iscola Superiore Caramu Floris, pro acollire cantu prus zente si podet e pro s'acostare a sos pitzocos cun custos temas de cultura, limba e identidade.

"Gavoi, in custa manera cheret sighire a chistionare in sardu – narat s'Assessore de sa Cultura e Identidade Enrico Mura - de arte, mùsica, culturas, cinema, rap, fìsica, iscientzia e biàzos, de cale si siat cosa, cun mannos e minores. Difatis ant partecipare a su prozetu fintzas sas iscolas superiores cun totus sas classes e – sighit Mura – custa cosa nos faghet meda piaghere. Sa polìtica pro s'educassione, pro sa limba sarda e pro sos zovanos nostros est su chi at chertziu faghere s'Amministratzione in custos annos".

Su programma culturale de Limba ocannu at a comintzare, comente atzinnadu supra, chenàpra 6 de nadale in s'Auditòrium de S'Iscola Superiore Caramu Floris. A sas ses e mesu de merie si comintzat cun sa presentatzione de "Non sias isciau", gai si nant su libru e su CD de su Tenore Murales de Orgòsolo, unu de sos sòtzios de càntigu sardu prus nòtos in Sardigna e in foras. A incondutare sos argumentos de sa serada b'at a essere Banne Sio (curadore de su libru) chi at a tessere s'istòria de sos càntigos, de sas poesias e de sas maneras de ponnere sas boghes, azudandesi cun videos e mazines. Su Tenore Murales at a essere presente e at a cantare sas cantzones de su discu.

Sa die in fatu, sàpadu 7 de nadale, a sas nove e mesu de manzanu, semper in s'Auditòrium b'at a essere un atòbiu apertu a totus, chi sos organizadore ant chertziu mutire "Limba Oje e Cras: paràgulas in biàzu".

A pustis de sos saludos de su Sìndigu de Gavoi Jubanne Cugusi, difatis, s'ant a afrontare sos temas de Cultura, Arte, Mùsica e Formatzione in Sardu e a sighidura su tema de Iscièntzia e Esperièntzia. Su primu argumentu at a essere isperpeddadu da Maria Doloretta Lai, Presidente de s'Istitutu Bellieni chi at a chistionare de sos trint'annos de atividade de s'Istitutu, dae Elena Manni, mastra pugliesa e gavoesa, chi at a contare s'esperièntzia sua comente dischente in su cursu de Limba Sarda in Gavoi, dae Fabrizio Cinotz Loddo, rapper ovoddesu (Su rap in Sardu: pro mantènnere!) chi at a contare su poite de su seperu artìsticu suo, at a amostrare videoclip e at a cantare carchi cantzone, e da Tore Cubeddu, operadore culturale e regista, fundadore de EjaTV, sa prima televisione digitale totu in sardu, chi at a intervennere in collegamentu da su Bàbel Film Fèstival, prèmiu pro sos film zirados in limbas de minoria chi sa matessi die s'amaniat in Casteddu.

De su segundu argumentu, Iscièntzia e Esperièntzia, at a arresonare Ramon Pilia, un Iscientziadu chi in s'interventu suo (Fìsica: fueddenduru e faenduru) at a ispiegare in sardu sos prus notos esperimentos de fìsica e los at a amostrare e faghere probare a sa zente, dande proba chi si podet faghere iscientzia in limba divertindesi puru.

At a sighire su tema Marco Buttu, s'ingegneri de Gavoi connotu dae medas ca urtimamente at iscritu unu libru chi contat s'esperièntzia sua, istudiada fintzas dae sa Nasa, in sa Istatzione Cuncordia, isperdia in mesu de su nudda, in su Polo Sud. Su tìtulu de s'interventu de Marco Buttu at a essere Marte Biancu: unu sardu in Antartide.

At a presentare e at a dare sa paràgula Enrico Mura, Assessore de sa Cultura e Identidade, Comune de Gavoi. 

 



IN ITALIANO 

LIMBA Paràgulas, Identidades, Culturas: a Gavoi il 6 e 7 dicembre 2019 si celebra la terza edizione della manifestazione di lingue e cultura sarda

L'Amministrazione Comunale di Gavoi, Assessorato della Cultura e Identità, in collaborazione con l'Associazione Turistica Pro Loco, la Commissione Cultura e Identità, l'Istituto Superiore C. Floris e la Regione Sardegna, organizza per il terzo anno consecutivo, LIMBA Paràgulas, Identidades, Culturas. Saranno due giornate dedicate a far crescere la conoscenza di lingua e linguaggi. A tal fine l'amministrazione gavoese ha deciso di proseguire nel ragionamento su lingua e cultura sarda viste all'interno del sistema della società isolana e non, all'interno del contesto storico e con uno sguardo verso il futuro. Il tema centrale sarà la lingua sarda che quotidianamente si utilizza per parlare di qualunque cosa, la lingua che scriviamo come quella che cantiamo, la lingua che utilizziamo al lavoro piuttosto che nel fare scienza o letteratura.

È una lingua di poeti e scrittori certo il sardo, ma è anche una lingua per adulti e bambini, la lingua dell'affetto e lo strumento adeguato per incontrare il mondo, ma rischia di diventare anche un mezzo desueto e perdere una lingua significa, appunto, perdere uno degli sguardi con cui guardare e descrivere il mondo.

Questo e molto altro ancora sarà dunque LIMBA – Paràgulas, Identidades, Culturas, evento che prevede due incontri, il 6 e 7 dicembre, entrambi ospitati presso l'Auditorium dell'Istituto Superiore C. Floris a Gavoi, spazio adeguato per accogliere grandi numeri e per far avvicinare un pubblico vario per un confronto che coinvolga a pieno gli studenti, i docenti e tutta la cittadinanza.

"Gavoi, in questo modo intende continuare a utilizzare la lingua sarda – afferma l'Assessore della Cultura e Identità Enrico Mura – per fare arte, musica, cultura, cinema, rap, fisica, scienza e racconti di viaggio, per fare politica anche nelle istituzioni. Limba per adulti e per i ragazzi, limba per una maggiore consapevolezza della propria identità declinata nell'incontro e nell'apertura all'altro. Infatti – prosegue Mura - grazie alla bella collaborazione instaurata con l'Istituto Superiore Ciusa – Floris, all'evento parteciperanno anche gli studenti di tutte le classi della sezione di Gavoi. La politica al servizio dell'istruzione, dell'educazione, della lingua sarda, delle radici e del progresso, è ciò che fin dall'inizio si ha prefisso la nostra amministrazione".

Il programma culturale di Limba quest'anno inizierà quindi venerdì 7 dicembre all'Auditorium dell'Istituto Floris. Alle 18,30 si presenterà, infatti, "Non sias isciau", il libro e il CD del Tenore Murales di Orgosolo, uno dei sodalizi del canto sardo più noti nell'isola e oltremare. La serata sarà condotta da Banne Sio (curatore del libro) chi tesserà la storia dei canti a tenore con la poesia, la lingua e i modi di armonizzare le voci, facendosi aiutare dalle esibizioni del Tenore, da filmati e immagini.

Il giorno seguente, sabato 7 dicembre, alle 9,30, sempre presso l'Auditorium ci sarà un convegno aperto al pubblico e agli studenti dal titolo "Limba Oje e Cras: paràgulas in biàzu".

Dopo l'apertura e i saluti del sindaco di Gavoi Giovanni Cugusi, infatti, si affronteranno i temi Cultura, Arte, Musica e Formatzione in Sardu e Iscièntzia e Esperièntzia. Il primo blocco sarà animato da Maria Doloretta Lai, Presidente dell'Istituto Bellieni che racconterà dei trent'anni di attività dell'Istituto Sassarese da sempre impegnato nella valorizzazione e tutela della cultura e della lingua sarda. A seguire il pubblico potrà ascoltare la testimonianza di Elena Manni, professoressa pugliese-gavoese, chi racconterà della sua esperienza come studente del corso di Limba Sarda a Gavoi. Il terzo intervento coinvolgerà Fabrizio Cinotz Loddo, rapper ovoddese con l'intervento dal titolo Su rap in Sardu: pro mantènnere! Che, partendo dai suoi brani e da videoclip andrà a narrare della sua scelta artistica e della lingua sarda nel rap. Tore Cubeddu, operatore culturale e regista, fondatore di EjaTV, prima televisione digitale in sardo, invece interverrà in collegamento dal Bàbel Film Festival, premio dedicato ai film girati in lingue minoritarie che proprio il 7 dicembre si terrà a Cagliari.

Ad affrontare la seconda tematica, Iscièntzia e Esperièntzia, saranno invece chiamati Ramon Pilia e Marco Buttu. Il primo, scienziato e divulgatore scientifico con il suo intervento Fisica: fueddenduru e faenduru spiegherà in Sardo i più noti esperimenti della fisica mostrandoli e facendoli esperire direttamente al pubblico. Ramon Pilia dimostrerà così anche che si può fare scienza in sardo con grande piacere e divertimento. Il secondo intervento dal taglio scientifico e narrativo coinvolgerà invece Marco Buttu, il noto ingegnere gavoese che ha pubblicato di recente il suo libro sull'esperienza vissuta sulla Stazione Concordia in Antartide, in mezzo al nulla ghiacciato del Polo Sud. Il titolo dell'intervento di Marco Buttu è, appunto Marte Biancu: unu sardu in Antartide.

Presenterà l'evento e coordinerà gli interventi e il dibattito Enrico Mura, Assessore della Cultura e Identità.

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK