Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Coldiretti. La nuova agricoltura predilige la sostenibilità

| di a cura della redazione
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
Simone Ciferni, giovane agricoltore di Lollove

Sono circa il 13% delle oltre 48mila presenti in Sardegna, le aziende agricole condotte da imprenditori giovani, ovvero di età inferiore ai 40 anni. Un dato più alto rispetto alla media nazionale che si ferma all’8%, e che detiene il primato a livello comunitario per numero di giovani agricoltori. 

Lo dice Coldiretti Sardegna nel giorno delle premiazioni dei giovani agricoltori innovativi e attenti al sociale e alla sostenibilità.

I giovani incidono in maniera rilevante in termini di valore prodotto: con loro, infatti, il contributo al valore della produzione raddoppia.

In Sardegna, inoltre, un altro dato rilevante è che il 20% delle aziende under 40 è condotto da imprenditrici donne.

“Questo conferma la necessità e l’importanza di favorire il ricambio generazionale per alimentare un modello di imprenditorialità agricola sempre più competitivo – afferma il delegato di Coldiretti Giovani Frediano Mura -. Oltre al fattore economico con i giovani crescono le percentuali delle aziende multifunzionali, che trasformano e vendono direttamente i propri prodotti. Cosi come sono più alte le percentuali delle aziende agricole attente alla sostenibilità ed al recupero degli scarti di lavorazione”.

Le premiazioni Oscar green sono state uno spaccato di questa nuova agricoltura. I finalisti conducono aziende multifunzionali che producono, trasformano e vendono direttamente i prodotti. Ma sono anche aziende sostenibili attente al risparmio delle risorse e dove sempre più spesso si valorizzano anche gli scarti di lavorazione.

Sono le aziende che stanno sperimentando con successo la cosiddetta economia circolare della quale si è parlato nel corso della mattinata nel Villaggio Rally ad Alghero durante le finali regionali degli Oscar green, premio di Coldiretti Giovani riservato alle aziende agricole under 40 innovative e attente alla sostenibilità e al sociale, che secondo una indagine Coldiretti produce un business di 88miliardi di euro in Italia.

Dalla birra agricola prodotta completamente in azienda ad Irgoli dai giovani di Marduk che recuperano anche gli scarti di lavorazione come mangime per il proprio bestiame, all’azienda Fragus e Saboris del delegato Coldiretti Giovani Frediano Mura che a Sadali riutilizza gli scarti di lavorazione delle erbe officinali in un’ottima resina naturale per le ceramiche. Cosi come recupera la neo vincitrice di Oscar green Claudia Mura di Cardedu che utilizza anch’essa gli scarti di lavorazione delle olive (sansa e nocciolino) come biocombustibile naturale per riscaldare l’aziendale e la propria casa. Ma c’è anche l’azienda di Simone Ciferni nella minuscola Lollove (13 abitanti) che propone un turismo rurale slow, digital detox e Andrea Liverani ad Arborea che grazie alla tecnologia dei droni fa risparmiare agli agricoltori il 20 per cento di acqua e utilizzare fino a – 30% di concimi.

“E’ la nuova frontiera dell’agricoltura che cresce di anno in anno insieme alla sensibilità dei cittadini verso l’ambiente – afferma Frediano Mura -. Questo rafforza il cibo made in Italy che già oggi si presenta come il più green di Europa”.

 

a cura della redazione

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK