Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Ovodda. Il diserbo chimico vicino al paese potrebbe rappresentare un rischio per la salute

Sul banco degli imputati l'Anas, colpevole di non informare.

| di Michela Columbu
| Categoria: Attualità
STAMPA

Ovodda. Ci aveva pensato qualche mese fa l'assessore regionale per la Difesa dell'Ambiente Andrea Biancareddu a scrivere all'Anas intimando la sospensione del diserbante chimico nella pulizia delle cunette. Ora invece a scrivere è il sindaco di Ovodda Cristina Sedda dopo aver preso atto che lungo la strada statale 128, proprio nelle vicinanze del paese, da qualche giorno i cigli della strada sono diventati di uno strano colore giallognolo. Una prassi ormai normale per l'Anas e per le imprese che si aggiudicano i lavori di pulizia del verde ai bordi delle strade, quello di utilizzare i diserbanti al posto della sfalciatura manuale. Una pratica che viene attuata perchè meno dispendiosa. Ma l'utilizzo dei diserbanti chimici fa paura ai cittadini, che oltre a veder deturpato il paesaggio per l'insano colore arancione di stoppie bruciacchiate, temono seri pericoli per la propria salute e per la salute dell'ambiente. Facendo un giro in rete si viene a scoprire che la sostanza chimica utilizzata è un erbicida disseccante a base di “glyphosate”. Una sostanza che pare godere di tutte le autorizzazioni sanitarie per essere immessa nell'ambiente ma che alimenta seri dubbi e un vivo dibattito scientifico sulla effettiva mancanza di conseguenze nocive per l'ambiente e per chi ci vive. Il sindaco di Ovodda si dice stanca di dover assistere passivamente a questa pratica senza che mai nessuno si ponga il problema almeno di avvisare chi di dovere dell'immissione di questa sostanza. E così in una lettera indirizzata ai responsabili dell'Anas fa presente che sulla strada oggetto del diserbo, quotidianamente con l'arrivo della bella stagione gli ovoddesi grandi e piccoli ne percorrono dei tratti a piedi, e li spesso transitano gli animali. “E' un modo di fare profondamente sbagliato: questo è il nostro ambiente – afferma Cristina Sedda - e siamo noi a viverlo, perciò chiediamo perlomeno di essere informati su ciò che potremmo respirare”. 

 

Vota il sondaggio in home page: "per la pulizia dei bordi delle strade preferisci: l'utilizzo dei diserbanti chimici o lo sfalcio manuale?".

Michela Columbu

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK