Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Successo di numeri a Gavoi e Ollolai.

Operatori soddisfatti per la tre giorni di vetrina.

Condividi su:

Successo di pubblico per  le Cortes apertas a Gavoi e Ollolai. Tanti erano i turisti ieri in Barbagia che Gavoi è andata in tilt. Tantissime auto e camper hanno invaso la circonvallazione del paese congestionando il traffico per buona parte del pomeriggio. Frutto del successo e del buon lavoro del paese che ogni anno richiama migliaia di persone da tutta l’isola. Dopo la buona affermazione di sabato, ieri mattina le strade di Gavoi erano già di buon ora invase dai visitatori. Il largo corso di via Roma era colmo di turisti, cosi come il centro storico. Tante le cortes allestite, molti anche gli espositori forestieri. Al museo casa Porcu Satta c’era la fila, cosi come nelle altre corte. A casa Maoddi il gruppo BioBarbagia pro loco ha messo in mostra il suo lavoro sulla biodiversità locale con tantissime foto e prodotti.  Boom anche per le cortes di Ollolai. A farla da padrone i colori del costume tradizionale nella corte allestita dal gruppo balladores. Dove si riprendevano momenti della vita quotidiana tradizionale. Sabato era stata la volta del torneo de s’istrumpa (vedi articolo). Mentre non potevano mancare le opere d'arte delle maestre de "s'iscraria":  i cestini d'asfodelo per cui il paese è noto in tutta la Sardegna. Ma a fare la differenza in entrambi i paesi sono stati gli artigiani e i produttori locali. I pilastri dell’economia locale che resistono e si difendono nonostante i tempi duri. Le loro cortes hanno messo in luce magnifiche realizzazioni, frutto della tradizione e dell’innovazione. A guidare i turisti sono stati anche i profumi del Fiore sardo, il formaggio dei pastori, e le famose patate onnipresenti e apprezzatissime.

Condividi su:

Seguici su Facebook