Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Se con una canzone riesci a unire due Barbagie... con l'ovoddese Cinozzo, il meanese Emanuele Pintus e la Bumbe Orchestra

Condividi su:

Mentre assistiamo al dibattito ormai decennale, dell’importanza del sardo nelle scuole e nei luoghi pubblici, come se la lingua fosse uno sciroppo da somministrare a piccole dosi a un malato carente d’identità; capita di sentire la canzone della Bumbe Orchestra feat. Cinozzo, “Seus solu angiulettes conc’a sole”, e capisci in appena 4 minuti e 46 che tutti i progetti per uniformare "sa limba" e farne un unicum per tutt’isola, sono stati superati dalla collaborazione di Emanuele Pintus (Meana Sardo) e Fabrizio Loddo (Ovodda) in arte Cinozzo.

Barbagia di Belvì e Barbagia di Ollolai, due parlate diverse a condensare due ritmi: rock e rap. Emanuele è il frontman di Whiu Whiu, gruppo rock isolano nato a Cagliari nel 2011. E da maggio di quest’anno porta avanti il progetto Bumbe Orchestra nato con l'uscita del disco Isus di cui è autore e del quale ci dice: “è un lavoro completamente autoprodotto, frutto dell'amicizia con Roberto Gibe Dearca (Long life to) che ha curato la parte audio e la registrazione del disco e Alessandro Macis (Crobeccada) il grafico videomaker che si è occupato di tutta la parte grafica del progetto”.

“Scriviamo in sardo un po’ per scommessa e curiosità – continua Emanuele - ma sopratutto per far qualcosa di diverso rispetto ai nostri precedenti lavori in inglese e italiano”. La canzone con Fabrizio Loddo è la seconda del progetto; la prima, con la collaborazione della cantante Blues Marisa Sotgiu, s’intitola “In palal de unu isu”.

Una grande amicizia lega Emanuele con Cinozzo e mettere a punto la canzone è “stato facile – afferma Fabrizio – perché quando ti senti parte di un progetto nasce tutto spontaneo”. Ed è proprio la spontaneità il leitmotiv del suo cantare: Fabrizio reppa (voce del verbo “reppare”) in ovoddese e dal 2012,  con Pierpaolo Vacca, organettista del gruppo folk Oleri di cui Loddo è presidente,  fonda “Mistura”, un duo di rap e folk, unico in tutto il panorama musicale sardo.

Mistura significa mescolanza, il filo comune di tutta questa storia, che mescola le due Barbagie; associa due generi musicali; due dialetti molto diversi seppur di comunità vicine. Associa il passato con il presente, le tradizioni con il rap: genere che sembra così distante come nascita e appartenenza ma che in realtà va perfettamente a braccetto con la “reppentina”, varietà musicale di improvvisazione poetica del Medio Campidano.

Insomma ce n’è per tutti, anche per i grandi, anche per gli anziani, quelli che, ci racconta Fabrizio, “mi stimano perché improvviso rap, invitandomi a sfidarli a “battorina”, che per chi non lo sapesse è una quartina improvvisata cantata in poesia sarda”.

Guarda il video della canzone “Seus solu angiulettes conc’a sole”

 

Condividi su:

Seguici su Facebook