Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Parrocchie e associazioni no profit: Abbanoa abbassa la cifra richiesta per il deposito cauzionale se i consumi sono bassi

| di redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

La richiesta di deposito cauzionale da parte di Abbanoa alle parrocchie aveva sollevato un grosso polverone di polemiche, con parroci sul piede di guerra contro le cifre astronomiche richieste. 

Non solo le parrocchie ma anche le associazioni che usufruiscono di una sede e quindi di un'utenza Abbanoa sono penalizzate in quanto inserite tutte nella categoria pubblica utilità, con un deposito cauzionale di circa 950 euro. Allacci che hanno sì la loro utilità ma dei quali in fin dei conti ne viene fatto un utilizzo irrisorio.

Oggi Abbanoa comunica al rigurado importanti novità. Le spiega lo stesso ente nel comunicato che pubblichiamo integrale:

Con la Diocesi di Nuoro Abbanoa è pronta ad aprire un tavolo di confronto. Le parrocchie possono essere esentate dal pagamento attivando semplicemente la domiciliazione bancaria delle proprie utenze. Con la domiciliazione,  l’addebito sul conto sarà effettuato soltanto alla scadenza della bolletta con la garanzia che, in caso di contestazione, persino dopo la scadenza si hanno ulteriori otto settimane di tempo per esercitare la facoltà di rimborso.

Una volta riaffermato che c’è la possibilità di non pagare il deposito con la domiciliazione, è del tutto evidente che in realtà la protesta cela un segnale di profondo malessere: complessivamente, ammontano a oltre centoventimila euro gli insoluti accumulati dalla parrocchie e dagli istituti religiosi della Diocesi di Nuoro. Come già avvenuto positivamente con la Diocesi di Cagliari, Abbanoa aprirà un tavolo di confronto per costruire un percorso di rientro condiviso.

Per quanto riguarda il deposito, le parrocchie che non intendessero beneficiare dell’esenzione assicurata con la domiciliazione hanno comunque diritto a una notevole riduzione da 956,46 a 132,23 euro. Così come per le associazioni no profit, basta presentare un’autocertificazione che attesti consumi inferiori ai 500 metri cubi l’anno (equivale a più del doppio della media dei consumi di una famiglia).

L’allarme della Diocesi di Nuoro consente di riaffermare che anche le famiglie a basso reddito sono state esentate dal pagamento  del deposito cauzionale. Sono quelle che beneficiano già della tariffa “no tax” che è pari a meno della metà rispetto alla tariffa ordinaria per utenze domestiche residenti. Rientra una famiglia media di 4 componenti che vive in casa di proprietà e ha un reddito complessivo familiare di 35mila euro: se invece vive in affitto, la soglia di reddito può salire addirittura a 52mila euro.


 

redazione

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK