Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Crisi del Nuorese: le proposte del territorio e delle imprese ci sono. Ora servono fatti e più concretezza

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
Il Presidente della Regione Sardegna Francesco Pigliaru

All’indomani dell’incontro col presidente Pigliaru, al CESP di Pratosardo, quello che resta a noi Tavolo delle Associazioni di categoria è grande perplessità, delusione ma anche forti aspettative.

L’impressione è che non si sia colta a pieno la gravità della situazione e la profonda sofferenza delle imprese, aspetto che non è stato al centro degli interventi del presidente Pigliaru e della Giunta. Attendevamo che la Regione – così come annunciato – esponesse specifiche strategie di sviluppo per il Nuorese e quindi approfondisse le criticità e proposte di carattere economico e produttivo riguardanti questo territorio devastato dalla crisi.

In particolare, nella riunione preparatoria del 5 dicembre con i Capi di Gabinetto della presidenza della Regione e dell’assessorato alla Programmazione, erano emerse cinque tematiche che il presidente Pigliaru avrebbe dovuto presentare al Territorio. Sottolineiamo che questi punti erano contenuti all’interno di un pacchetto di proposte che il Tavolo di partenariato aveva fatto pervenire alla Regione: 1) infrastrutture, 2) aree di crisi, 3) agroalimentare, 4) Università, Ente Foreste e Scuola Forestale e 5) area urbana di Nuoro. In realtà oltre a generici riferimenti all’ambiente, alla cultura e all’agroalimentare la Giunta non ha approfondito alcun punto in agenda né altre tematiche specifiche.

Ad ogni modo pensiamo che - rispetto all’incontro – sia necessario cogliere quanto di positivo è emerso. In particolare il presidente ha annunciato, per gennaio, l’avvio di Tavoli tematici territoriali specifici che avranno il compito di determinare tempi, modalità e risorse relative agli interventi previsti. La nostra proposta è quella di avviare 3 Tavoli tecnici immediati e operativi su: 1) infrastrutture, 2) imprese (agroalimentare, aree di crisi, etc.), 3) Università, Ente Foreste e Scuola Forestale.

Chiediamo che le associazioni delle imprese vengano coinvolte in ognuno di questi tavoli e soprattutto che si stabiliscano immediatamente le date di convocazione degli incontri in modo che si arrivi in tempi brevi all’attuazione delle proposte. Inoltre, il presidente Pigliaru ha mostrato aperture rispetto alla proposta avanzata dalle nostre Associazioni sul riconoscimento della fiscalità di vantaggio per le imprese del centro Sardegna. Altro aspetto positivo è l’affermazione dell’Assessore Paci in merito alla disponibilità delle risorse da parte della Regione. Da un lato, quindi, sarebbero disponibili le risorse, dall’altro il territorio e le imprese hanno già avanzato, dallo scorso agosto, proposte progettuali concrete, tra cui quelle sopracitate. Al momento però siamo fermi alla fase degli annunci e delle promesse ed è invece necessario essere operativi in tempi brevi.

Le associazioni vigileranno con la massima attenzione e severità affinché gli impegni presi siano rispettati. Altrimenti trarremmo le dovute conseguenze. A questo punto è fondamentale che ci sia la massima collaborazione tra la Regione e il Tavolo di partenariato per lavorare assieme e avviare un piano di rilancio che dia nuove prospettive di crescita al territorio. Le associazioni sono l’ultimo baluardo con cui è importante che la Regione si confronti e dialoghi e devono avere un ruolo centrale nel nuovo patto per lo sviluppo.

COLDIRETTI, CONFAPI, CONFARTIGIANATO, CNA, CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFESERCENTI, CIA, CONFAGRICOLTURA, CONFCOOPERATIVE, LEGACOOP

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK