Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Anglo arabo sardo. Firmato protocollo di intesa tra Coldiretti e Airvaas

Battista Cualbu: "facciamo squadra per valorizzare il cavallo sardo e le eccellenze agroalimentari"

a cura della redazione
Condividi su:

Un protocollo di intesa per valorizzare l’anglo arabo e le eccellenze agroalimentari. E’ quello firmato tra Coldiretti Sardegna e l’Airvaas, l’associazione intercomunale che ha unito nove società ippiche (Oliena, Lanusei, Orgosolo, Fonni, Orani, Ottana, Dorgali, Uri e Sedilo) con l’intenzione di valorizzare il cavallo sardo.

“Facciamo squadra con chi lavora in favore del mondo rurale – dice il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu -. In questo caso stringiamo un patto con nove associazioni ippiche, di nove diversi paesi, che da un anno lavorano per promuovere l’anglo arabo e lo fanno tutelando la salute degli animali prevedendo volontariamente l’antidoping nelle corse”.

“Il settore ippico – spiega il presidente - è troppo spesso trascurato, ed in particolare la razza sarda. Secondo noi invece merita molta più attenzione in quanto rappresenta un’importante risorsa economica oltre che veicolo per la promozione della cultura e delle tradizioni, dunque del Pastoralismo”.

L’accordo di collaborazione stipulato tra la Coldiretti e l’Airvaas, prevede anche uno spazio importante per i prodotti agroalimentari. “I momenti sociali e di aggregazione creati dagli eventi ippici saranno anche un importanti spazio per far conoscere e apprezzare i prodotti agricoli dei nostri produttori che già tanto successo stanno ottenendo nei mercati di Campagna Amica presenti ogni settimane nelle città sarde”.

L’accordo di programma prevede inoltre iniziative congiunte per valorizzare, promuovere e tutelare la cultura, gli usi, le tradizioni e le produzioni locali inerenti il mondo equestre ma non solo.

“La prima iniziativa congiunta si svolgerà a Oliena, dove stiamo organizzando un convegno con degli esperti per parlare delle potenzialità dell’anglo arabo sardo e del suo valore per la nostra terra” anticipa Cualbu.
 

Condividi su:

Seguici su Facebook