Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

L'Unione Barbagia mette i bambini al potere: "puntiamo ad avere giovani consapevoli e protagonisti del loro futuro"

In discussione alcune modifiche allo Statuto dell'ente

redazione
Politica
Condividi su:
redazione

Grandi novità in seno all’Unione dei Comuni Barbagia. La compagine formata dai Comuni di Oniferi, Sarule, Olzai, Ollolai, Gavoi, Lodine, Ovodda e Tiana si appresta a modificare il proprio statuto adeguandolo ai canoni imposti dalla nuova legge di riordino degli enti locali.

Tra le novità ne spicca una, simpatica e interessante al tempo stesso e riguarda le giovani generazioni del territorio dei Comuni coinvolti.

Verrà introdotta infatti l’assemblea dei bambini come organo consultivo all’interno della composizione amministrativa dell’ente.

“Una novità di non poco conto – sottolineano i rappresentanti barbaricini – perché abbiamo deciso di dare voce alla fascia di popolazione più esigente e per la quale dovremmo fare l’impossibile: i piccoli. Sarà un esecutivo democraticamente eletto a rappresentarli e ovviamente avranno voce su tutte le questioni fondanti che li riguardano direttamente: dai servizi (scuola, biblioteche, sport, feste, cultura) all’ambiente, di cui dovranno essere responsabili e difensori.

Il coinvolgimento in maniera istituzionalizzata dei ragazzi, significa renderli protagonisti in prima persona del loro futuro, oltre che instillare in loro la capacità di amministrare in modo “unionistico”, imparano a ragionare da cittadini di una realtà di diecimila abitanti, imparando a cooperare e fare rete in nome di un territorio, per prepararli a un domani dove solo chi opera in aggregazione potrà alzare la voce in difesa della propria realtà.

 Dalla loro sensibilizzazione passa infatti la difesa e la salvaguardia della salute e dell’ambiente e dell’identità, punta di diamante di un territorio che cerca la promozione turistica per far ripartire l’economia.

Di qualche giorno fa infatti l’accordo con la Compagnia Navale Grimaldi Lines per l’applicazione di una scontistica nei biglietti per la Sardegna, per i turisti che soggiorneranno nelle strutture ricadenti nel territorio dell’Unione.

Non da meno la vittoria contro la Regione Sardegna con l’ottenimento del parere negativo del Tar riguardo all’ampliamento dell’inceneritore di Tossilo, grazie al ricorso presentato dall’Unione.

Altre modifiche nello statuto dell’Unione saranno caratterizzate dalla conformazione al "linguaggio" della legge di riordino. Un esempio su tutti è la denominazione dell'organo esecutivo da "consiglio di amministrazione" a "giunta".

Inoltre si darà stabilità alla carica degli organi del presidente e della giunta per superare il meccanismo della turnazione semestrale con l'elezione per due anni, con un sistema che garantisca la possibile critica e "sfiducia" in capo all'assemblea.

La composizione della Giunta, eletta dall'assemblea, sarà di due componesti aggiuntivi al presidente, con un componente con il ruolo di vicepresidente.

Nel nuovo statuto inoltre saranno previste le deleghe per tutti i consiglieri, al fine di coinvolgere tutte le amministrazioni e soprattutto suddividere gli oneri dell'amministrazione unionista.

L’introduzione dei due organi consultivi: l'assemblea dei bambini, e l'assemblea plenaria di tutti i consiglieri comunali dell'Unione da convocare almeno una volta all'anno per discutere dello stato dell'Unione e di questioni di particolare rilevanza.

Condividi su:
redazione

Seguici su Facebook