Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

OLIENA. La Regione scioglie il Consiglio. Le parole del Sindaco e dei consiglieri comunali di maggioranza

Condividi su:

La Giunta ha deliberato lo scioglimento del Consiglio comunale di Oliena, in seguito alle dimissioni rassegnate l’11 settembre scorso da nove consiglieri. Su proposta dell’assessore Cristiano Erriu è stato nominato il commissario straordinario per la provvisoria gestione del Comune: si tratta di Manuel Delogu, dirigente dell’Isre. (da regione.sardegna.it) 

"Giunge inaspettata da Cagliari la notizia dello scioglimento del Consiglio comunale di Oliena, odiernamente deliberata. Prendiamo atto della decisione dell’Assessorato agli Enti locali e della Giunta isolana - dichiarano in una nota il sindaco e i consiglieri comunali di maggioranza - una scelta che, tuttavia, non tiene conto di autorevoli pareri giuridici e che sconfessa un importante orientamento del Consiglio di Stato. Nonostante l’amarezza e la delusione per aver visto prevalere il tornaconto personale di chi non ha sicuramente a cuore il bene della comunità - aggiungono i dieci rappresentanti - da parte nostra vi è la certezza di avere fatto tutto il possibile fino all’ultimo nell’interesse del paese.  Abbiamo sempre agito nel rispetto rigoroso della legalità nonché dell’Istituzione da noi rappresentata, anche confortati da autorevole dottrina di esperti in diritto costituzionale e amministrativo. Stupisce il comportamento esultante degli ex consiglieri dimissionari, che al contrario, hanno scientemente cagionato, a danno dei propri concittadini, la grave crisi del Comune di Oliena. Ed infatti in conseguenza di tale agire si aprirà un possibile, lungo commissariamento dell’Amministrazione, con conseguente blocco di qualsivoglia attività di governo, se non meramente ordinaria (e la probabile perdita di importanti risorse finanziarie già riconosciute all’Ente grazie a questa Amministrazione). Evidente che se ne assumeranno ogni conseguente responsabilità politica anche nei confronti dei loro elettori".

Condividi su:

Seguici su Facebook