Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Se i "neosovranisti" si dimenticano della lingua sarda

di Francesco Casula

| Categoria: Politica
STAMPA
Paolo Maninchedda

Stimo Paolo Maninchedda e seguo da sempre con simpatia le sue iniziative: spesso condividendone contenuti e ispirazioni. Ancor maggiore è stato il mio interesse per quella più recente che ha dato vita al Partito dei sardi, insieme a Franciscu Sedda che egualmente apprezzo. Le mie valutazioni atterranno dunque esclusivamente alle posizioni politiche: e non dunque alla sua persona, sbrigativamente attaccata come “trasformista” e, talvolta insultata. Ebbene se gli elementi programmatici del nuovo Movimento sono quelli che Maninchedda ha riassunto alla Nuova Sardegna, in una lunga intervista il 24 luglio scorso, occorre dire che non ci siamo: egli ripete il vizio di Onesicrito, un certo geografo che tra il 332 e il 336 a.c. aveva visitato l’India al seguito di Alessandro Magno, riportandone descrizioni alquanto fantasiose, che misero a lungo fuori strada i geografi dell’epoca. Anche Maninchedda offre cioè della Sardegna una visione “fantasiosa” proponendo per l’Isola (solo) fallimentari ricette economicistiche, per di più spacciate come “temi del sovranismo”: il fisco, l’energia, la capacita delle imprese di operare. Neppure un accenno alla lingua sarda! Come se fosse possibile una qualche sovranità, da parte di un popolo-nazione senza la propria lingua! E’ la vecchia e becera visione della Questione sarda che riemerge: come questione di semplice “arretratezza economica”. Di una Sardegna solo colonia interna dello Stato italiano e non anche nazione oppressa dallo stesso. Contro cui è viepiù in atto un pericolosissimo processo di “genocidio” soprattutto culturale ma anche, certo, economico, politico e sociale. Quella stessa visione, la cui cartina di tornasole è rappresentata dallo Statuto sardo tutto giocato sul crinale economicistico. In cui l’insieme degli aspetti linguistici e etnoculturali è del tutto assente. Ecco come Lilliu denuncia la scelta dei Costituenti: “Is consultoris sardus hiant stimau chi s’istruzioni e sa cultura, in cussu momentu de recuberamentu materiali de sa Regioni fessint de interessu segundariu e hiant lassau a su Stadu de nci pessai issu esclusivamenti. E poita is Consultoris no hiant bofiu sa cumpetenzia primaria in sa istruzioni, sa scola e sa cultura sarda no figurant in sa lei de su 23 de friaxiu n.3. Aici est nasciu unu statutu sardu zoppu, fundau sceti apitzus de s’economia reali in sa cali, po s’effettu de operai in sa politica de su renascimentu, s’est scaresciu propriu de is valoris idealis e de is concettus po ponniri in movimentu su renascimentu, eus a nai cussu chi est sa basi de sa venganza autonomistica. Valoris is calis, in prus, donant arrexonis e fundamentus perennis a sa spezialidadi de sa Regioni sarda, ch’est verdaderamenti una Regioni-Natzioni: unu populu cun sinnus proprius de limba, etnia, storia, cultura, maneras de si cumportai, de gestus, de pensai is calis calant a fundu in sa vida de dognia dì e balint e operant a totus is livellus de sa sociedadi….Sa repulsa de sa cultura hat tentu effettus negativus no sceti cun sa crisi de s’autonomia. Issa hat impediu su cresciri de una classi dirigenti forti e libera sa cali hiat a essiri agatau ideas e stimulus po operai in politica, creativamenti, cun s’aggiudu de sa cultura de su logu impari a sa cultura in generali. Sa cultura de s’Autonomia fundada apitzus de sa cultura sarda, cultura de sa diversidadi, de disturbu, de resistenzia hiat a essiri indulliu is politicus sardus a si liberai de sa dependenzia, a non essiri maschera de su stadu”. 

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK