Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

GAVOI. Prende forma il Taloro

Silvetti: "Lotteremo per i play off e la coppa Italia"

a cura della redazione
Sport
Condividi su:
a cura della redazione

GAVOI. Prende forma il Taloro. Dopo l’elezione del nuovo presidente, Salvatore Buttu, la società si sta muovendo nel mercato. La base da cui partire era ovviamente la conferma del gruppo degli ultimi due anni. E cosi sarà. Ormai certa la permanenza di Ivan Cirinà. Nonostante le voci che lo davano lontano da Gavoi, il mister guiderà il Taloro anche il prossimo anno. Altre conferme importanti sono quelle di Giuseppe Silvetti e Marco Pinna. In settimana ci dovrebbe essere un quadro più chiaro, ma già da oggi si può dire che lo zoccolo duro delle ultime due stagioni rossoblu sarà confermato. “Non ho mai pensato di andare via da Gavoi” dichiara il difensore Silvetti che ha nuovamente rifiutato la ‘sua’ Torres per il Taloro. Dalle sue dichiarazioni si capisce l’affetto ed il legame al paese: “Sono il primo sassarese che giocherà per 4 anni in Barbagia , e nelle prime 5 giornate, vista la squalifica di Roberto Mele, sarò anche vice capitano di Marco Pinna”. Chi non indosserà più la maglia rossoblu sono, come annunciato, Matias Canessini, tornato in Argentina, Federico Sedda andato al Fertilia e Pablo Gutierrez che ha scelto di retrocedere di una categoria ed accettare l’offerta del Lanusei in Promozione dove ritroverà il direttore sportivo Fabio Piras anch’egli approdato in Ogliastra. “Saremo anche quest’anno protagonisti – dice sicuro il roccioso difensore di Sassari che invece l’offerta del Lanusei l’ha rifiutata –. Lotteremo per i play off e la coppa Italia cercando di prenderci quanto perso nelle ultime due stagioni. Quest’anno – continua – siamo più forti perché più esperti e consolidati. Inoltre non ci sarà una squadra ‘ammazza’ campionato come la Torres e l’Olbia degli scorsi anni”. Le ultime parole il centrale difensivo le dedica al nuovo presidente: “E’ una persona che conosco e stimo. Una grande figura”.     

Condividi su:
a cura della redazione

Seguici su Facebook