Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

TETI. 4.500 euro per per le popolazioni colpite dall'alluvione

Domani al via Cortes apertas (il programma)

a cura della redazione
Condividi su:

TETI. Mentre il paese si prepara per la tappa locale di Autunno in Barbagia che sarà inaugurata domani pomeriggio, non si dimentica dei conterranei più sfortunati che dieci giorni fa, il 18 novembre, sono stati investiti dal Cleopatra.

Per questo oltre ad impostare tutta la manifestazione S’iscusorzu e Teti nel segno della solidarietà ed essersi recati di persona con 30 volontari a Torpè, la Giunta comunale, composta dal sindaco Laila Dearca e dagli assessori Marianna Soddu e Walter Pitzalis, ha deliberato per dare un contributo “a favore delle popolazioni colpite dall’alluvione”. “Per ragioni di solidarietà oltre che di umanità – si legge nella delibera - è intenzione di questa amministrazione dare un piccolo aiuto alle popolazioni che hanno subito ingenti danni sia materiali che morali”. Per questo si è pensato ad un contributo di 4,500 euro, una somma enorme per un piccolo borgo come Teti, che servirà “a garantire il materiale e le attrezzature necessarie per prestare i primi soccorsi tra cui anche automezzi comunali adatti allo sgombero e pulizia delle strade”.

 

IL PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE

Venerdì 29 novembre 2013
Ore 16.00 - Apertura Cortes e inaugurazione.
Manifestazione ''S'Iscusorzu ‘e Teti''.
Saluto dell'Amministrazione comunale - degustazione prodotti tipici.
 

Sabato e domenica
Ore 09.00 - Apertura Cortes: ''Antichi mestieri'' e degustazione prodotti locali:
Sa cotta ‘e su pane;
Bufulitu, bastone e altri dolci tipici;
Prodotti dell'alveare: miele biologico certificato, mielardente;
Pasta fresca;
Latte e derivati;
I prodotti dell'orto, del frutteto e del bosco;
Prodotti del maiale;
Vini e liquori artigianali;
Laboratorio artigianale dell'Asfodelo;
Lavorazione tridimensionale del cartone: gigantografie dei Bronzi di Abini;
Maschere e sculture in legno;
Laboratorio orafo - ceramista;
Lavorazione terracotta;
Riproduzione oggetti della civiltá nuragica;
Sartoria artigianale;
Lavorazione oggettistica in pelle;
Sculture in legno, artigianato tipico - miniature;
Lavorazione sughero: arredo e oggettistica;
Antiquariato.

Sabato
Ore 10.00 - Apertura Laboratorio didattico a cura del CEAS Gennargentu sul riciclo dei rifiuti e l'utilizzo sostenibile delle risorse. ''Progetto ecosagre'' promosso dalla Provincia di Nuoro - Presso Biblioteca Comunale;
Ore 10.00 - Apertura mostra paramenti sacri e pesca miracolosa / Chiesa Santa Maria della Neve;
Ore 10.30 - ''Amentos'' presentazione libro-raccolta e apertura mostra fotografica su Teti a cura di Alessandra Tatti - sala riunioni Centro di Aggregazione Sociale;
Ore 15.00 - Convegno/dibattito presso il Museo Archeologico, a cura dell'Amministrazione Comunale con la partecipazione delle Dr.sse Anna Depalmas Università di Sassari; Lidia Puddu, Eliana Natini, Nadia Canu.
Ore 16.30 - Accensione falò - Inizio evento ''Su Sennoreddu e sos de s'Iscusorzu…'' come tutto ebbe inizio… il rinvenimento dei Bronzi di Abini;
Dalle ore 15.00 alle ore 20.00 - Esibizioni itineranti lungo tutto il circuito delle cortes dei gruppi: folk Teti, folk ''Santa Chiara'' di Cossoine, folk ''Bellamia'' di Busachi e dei cori polifonici: ''S'Urbale'' e ''San Sebastiano'' Teti ,''Padentes''Desulo, ''Vadore Sini'' Sarule;
Ore 20.00 - Degustazione in piazza in collaborazione con i gruppi di Caccia ''Cambedda'' e ''Tatti'', ''Gruppo Folk Teti'' e Coro ''S'Urbale'' Teti;
Ore 21.30 - Canti e balli in piazza con Massimo Pitzalis;
Dalle Ore 9,30 alle 16,30 - Sabato 29 e Domenica 30: dei Bus navetta accompagneranno i visitatori nel percorso culturale/ ambientale, dal Museo Archeologico al Villaggio Nuragico di S'Urbale al Parco Comunale di San Sebastiano.

Domenica 
Ore 09.30 - Mostra espositiva e Laboratorio di ceramica nuragica: ''Ipotesi sui vari materiali e tecniche di lavorazione utilizzate per la cottura della ceramica - a cura del ceramista Umberto Soddu presso Museo archeologico;
Ore 10.00 - ''Abini: dalla storia alle storie… alla poesia'' - Conferenza a cura di Dr. Matteo Tatti: Abini e la sua Storia e Presentazione dei libri di Antonello Pellegrino: ''Bronzo'' e '' Dall'oscura terra'' presso Biblioteca Comunale.
Ore 11.00 - Premiazione XXIII edizione concorso di poesia ''Sa Madonna e su nibe'' dal tema ''Sos Antigos contaian de un iscusorzu'', presso Biblioteca Comunale.
Ore 11.30 - Santa Messa cantata dal coro Parrocchiale GP2 - seguire mostra paramenti sacri e pesca miracolosa/ Chiesa Santa Maria della Neve.
Ore 15.00 - Laboratorio di Archeologia sperimentale: fusione e colata del bronzo, creazione di utensili in bronzo - a cura dell'Archeologo Claudio Bulla in collaborazione con la Dott.ssa Daniela Mastino - Piazza Pietro Lavra;
Ore 16.30 - Accensione falò - Inizio evento ''Su Sennoreddu e sos de s'Iscusorzu …'' come tutto ebbe inizio… , il rinvenimento dei Bronzi di Abini.
Dalle 15.00 alle 19.00 - Esibizioni itineranti lungo tutto il circuito delle cortes, dei cori: ''Su Veranu'' di Fonni e ''Sos Astores'' di Golfo Aranci, il Violinista G. Longu, Artisti locali: M. Pitzalis, G. Melis, J. Putzu, G. Manca
Ore 19.00 - ''Ballu a Ifferrere'' (tradizionale Tetiese) intorno al falò.
Dalle Ore 9,30 alle 16,30 - Sabato 29 e Domenica 30: bus navetta accompagneranno i visitatori in un percorso culturale/ ambientale, dal Museo Archeologico al Villaggio Nuragico di S'Urbale al Parco Comunale di San Sebastiano.

Da visitare
Museo Archeologico: visite guidate;
Villaggio nuragico di S'Urbale: visite guidate;
Villaggio Nuragico di Abini;
Casa antica: arredi d'epoca della casa tradizionale Tetiese;
Casa Mereu: arredi d'epoca casa signorile Tetiese;
Sala espositiva Museo Archeologico: Percorsi della memoria, tredici anni di pittura estemporanea;
Mostra fotografica su Teti ''Amentos'', sala riunioni Centro del Aggregazione Sociale;
Mostra tattile di Roberto Serri: ''Caras…'' volti e leggende di Sardegna Salone casa Parrocchiale;
Parco comunale e Chiesa campestre S. Sebastiano;
Chiesa S. Maria della Neve;
Orto Botanico;
Punta Sa Marghine.

Condividi su:

Seguici su Facebook