Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Sul Bruncu Spina la centralina meteo più alta del Mediterraneo occidentale

Condividi su:

Sul Bruncu Spina e' attiva da circa 4 mesi la stazione meteorologica più alta di tutto il Mediterraneo occidentale. Collocata a 1828 metri sul livello del mare, sul tetto della Sardegna, ha ufficialmente superato il periodo di prova e tutti i test di affidabilità “garantendo un'ottima continuità di trasmissione di tutti i parametri meteorologici” comunicano da Sardegna Clima. La centralina automatica è stata installata dai ragazzi di Sardegna Clima Onlus: un'associazione no profit con sede legale a Fonni che si occupa di meteorologia e climatologia in Sardegna dal 2009. L'associazione porta avanti diversi progetti di ricerca in ambito meteorologico quali la creazione di una rete di centraline meteo sparse per tutta l'isola finalizzate al monitoraggio climatico-ambientale. La Onlus gestisce anche altre stazioni analoghe in Barbagia: a Fonni, Desulo, Gavoi, Ollolai, Austis, etc.

Fanno parte del suo staff giovani laureati sardi con differenti figure professionali: fisici, geologi, biologi e ingegneri. Vanta inoltre prestigiose collaborazioni con enti pubblici (provincie e comuni), università e centri di ricerca (CNR) collaborando perfino con l'Agenzia Spaziale Europea (ESA).

La stazione meteo del Bruncu Spina fornisce dati in tempo reale che vengono condivisi con il Dipartimento di Scienza della Vita e dell'Ambiente (DISVA) dell'Università degli studi di Cagliari nell'ambito di un progetto di monitoraggio climatologico delle zone cacuminali del Gennargentu. Gli stessi dati sono liberamente consultabili a questo link (http://www.sardegna-clima.it/index.php/rete-stazioni-meteo-sardegna/mappa-rete-stazioni-amatoriali) oltre che mediante l'App ufficiale di Sardegna Clima.
“L'impresa di installazione della centralina più alta della Sardegna, è stata possibile grazie alla fondamentale collaborazione di due appassionati desulesi (Franco Pintore di Desulometeo e Corrado Zanda) che hanno gentilmente offerto il loro supporto logistico all'installazione e nelle fasi successive di testing. Basti pensare – ci dicono dall’associazione - che il vento a quella quota può facilmente superare i 120 Km/h con temperature che durante l'inverno possono rimanere sotto lo zero per intere settimane raggiungendo punte di -15°C. Sarà una bella sfida con l'inverno che si avvicina testare l'affidabilita' della strumentazione e la durata degli accumulatori”.

E ancora: “la strumentazione (Lacrosse 2350) è infatti totalmente alimentata con energia solare e trasmette ogni 5-10 minuti mediante un apparato GPRS gestito da un microcomputer Raspberry a basso consumo. Il software di gestione è stato interamente sviluppato da Borja Lopez Fernandez, un appassionato di meteorologia spagnolo che collabora attivamente con l'associazione Sardegna Clima".

L'importanza dell'installazione e' data anche dal fatto che ad oggi, non esistono dati storici provenienti dalle cime più alte del Gennargentu eccezion fatta da un breve periodo di funzionamento di una centralina SAR alla fine anni '90, purtroppo dismessa dopo pochi mesi dall'installazione.
 

Sardegna Clima il primo portale dedicato al clima e alla meteorologia della Sardegna.
sardegna-clima.it

Condividi su:

Seguici su Facebook