Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Atletico Oristano raggiunto in extremis dal Molassana, le sarde chiudono la stagione con un pareggio

Piero Silvetti
04/05/2014
Condividi su:
Piero Silvetti

Molassana. Morin, Monti, Oliviero, Manconi, Lombino ( 72’ Sartelli), Belloni, Basso, Germani, Coppolino, Cadeddu, Tortarolo.


Atletico Oristano. Pignagnoli, Fragni, Agus, Bonati, Razzoli, Postiglione, Deriu (87’ Pinna I.), Arzedi, Carai, Sotgiu, Pinna R.

 

Dopo  il colpaccio interno contro la capolista Cuneo le ragazze dell’Oristano chiudono la stagione in Liguria. Il Molassana, quarta forza del campionato, si presenta davanti ai propri tifosi dopo la sconfitta a sorpresa contro il Caprera. Silvetti deve fare a meno di diverse pedine importanti e scende in campo con un inedito 4-1-4-1. La formazione sarda parte in sordina risentendo le fatiche di domenica scorsa e al secondo di gioco è già sotto: Coppolino approfitta di una disattenzione difensiva e trafigge Pignagnoli con un pallonetto. Partita in discesa per le molassanesi, ma le sarde cercano comunque di giocare e riescono a spingersi in avanti con grande orgoglio, ma sono poco lucide negli ultimi passaggi. Al 40’ l’Oristano potrebbe agguantare il pareggio su corner, ma Morin salva su Postiglione. Quando ormai le padrone di casa sembrano avere la testa già negli spogliatoi, al 44’ Romina Pinna punisce e fa 1 a 1: dribbling e gran destro che si insacca alle spalle di Morin. L’arbitro Giordano fischia l’intervallo. Nella ripresa è buono l’avvio delle ospiti che vedono Deriu ispirata, prova la botta impegnando Morin. Gara molto equilibrata, entrambe le squadre non hanno più nulla da chiedere al campionato e attaccano a viso aperto. Al 60’, fase di stallo, le due compagini combattono molto a centrocampo, ma non regalano occasioni nitide. Al 75’ l’Oristano passa in vantaggio: Cross di Bonati, su cui Romina Pinna non manca l’appuntamento e, di testa, segna il 2 a 1. Il Molassana cerca di scuotersi, ma trova un centrocampo avversario ben organizzato, le sarde cercano di gestire evitando disimpegni rischiosi. Nei tre minuti di recupero arriva la beffa per l’Oristano: ripartenza fatale e Cadedddu pareggia i conti. L’Atletico Oristano chiude tutto sommato il campionato a testa alta, una squadra che a dicembre si è trovata in testa alla classifica non per caso e che purtroppo, causa i gravi infortuni, è stata tagliata fuori dalla lotta per la promozione.
 

Condividi su:
Piero Silvetti

Seguici su Facebook