Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Monte Spada - n. 66 OTTOBRE 2014

Periodico della Parrocchia S. Giovanni Battista di Fonni Tel. 0784 57008 (Cell. 3283010085) - Email: donpietropuggioni@gmail.com

STAMPA
printpreview

Guardiamo gli occhi dei nostri bambini

di Pietro Puggioni

Saranno alti i monti di Fonni, ma non impediranno che le immagini della folle liturgia mozzateste dei terroristi arrivino agli occhi dei nostri bambini, ai quali dovremo dare difficili risposte. Queste non possono scaturire dal nostro silenzio o imbarazzo e tanto meno dalla assuefazione alle immagini quotidiane dei telegiornali.

La ferocia dall’Irak e dalla Siria è arrivata non molto lontano da noi, in Algeria, che si affaccia al Mediterraneo come la nostra Isola.

La risposta non può essere educazione all’odio verso quei volti lontani o al sospetto che ogni extracomunitario che incontriamo sia possibile emissario del progetto terroristico. Anche perché nel Dna barbaricino è più istintivo l’odio che la razionalità o il perdono.

Gli occhi dei nostri bambini, movimentati dai primi giorni di scuola, dai primi allenamenti sportivi, dalla ripresa del catechismo e dalle varie offerte associative, ci raccontano la loro domanda di bene, di bellezza, di felicità. Non possiamo andare nei campi di battaglia, ma neppure rassegnarci all’impotenza.

Dobbiamo diventare con i nostri bambini pellegrini della bellezza delle montagne, dei boschi, delle stelle; pellegrini della vita presso le culle dei neonati, i letti dei malati, i paesaggi dei giovani; pellegrini della speranza dentro quel Vangelo che fa fiorire e cambiare il cuore dell’uomo, e davanti al Crocifisso dove l’abbraccio dell’amore e del perdono può fermare la deriva che spegne la luce originaria della dignità umana.

AI MARTIRI NUOVO PARROCO

Sabato 20 settembre Mons. Mosè Marcia ha insediato il nuovo parroco di S. Maria dei Martiri, Padre Pier Gavino Piras di Gavoi.

La particolare partecipazione di popolo sta a confermare la gioia di Fonni che nei mesi scorsi aveva trepidato per la sorte della stessa esistenza della parrocchia e della presenza francescana nel convento.

Padre Pier Gavino avrà la collaborazione di Padre Antonio Cugusi e di Padre Marino Festa. Continuerà certamente la collaborazione tra le due parrocchie, anzi crescerà con nuovi progetti pastorali.

A Padre Pier Gavino e Collaboratori gli auguri più fervidi!

 


VOLTI E COSE DI CASA NOSTRA

Viva gli 11 milioni di nonni italiani

E’ questo il numero del piccolo esercito silenzioso ai quali il 2 ottobre è dedicato il giorno per festeggiarli, riscoprendo la loro missione fondamentale per l’equilibrio di una vera società.

Non conosciamo il numero esatto del nostro paese, anche se li incontriamo per la strada, davanti alle scuole, nelle chiese e nelle case, custodi dei nipotini. A Fonni non conoscono la solitudine e la emarginazione delle grandi città o la melanconia di ospizi lontani, ma non è fuori posto riflettere sul messaggio di Papa Francesco di domenica 28 settembre in Piazza San Pietro.

Ha rivolto un appello a giovani e anziani: “Alleatevi o non c’è futuro…senza incontro fra le generazioni”. Ha denunciato la “ velenosa cultura dello scarto” che taglia fuori gli anziani come i giovani attraverso una economia senza volto e senza vera libertà Molto forte l’affermazione: “La violenza sugli anziani è disumana come quella sui bambini”.

”I nonni hanno una capacità di capire le situazioni più difficili... e sono chiamati a custodire la fede e trasmettere la fede, a pregare e ad essere vicino a chi ha bisogno”.

Padre Dario cittadino di Fonni

Una scelta felice quella dell’Amministrazione comunale di concedere la cittadinanza onoraria di Fonni a Padre Dario Pili. La comunità ha approvato all’unanimità, sentendosi legata a Padre Dario Pili da gratitudine e stima.

Le nuove generazioni lo ricordano percorrere le strade di Fonni mite e serafico, aiutato dall’inseparabile bastone, pellegrino di Dio verso famiglie conosciute e verso malati.

La cerimonia di giovedì 18 settembre, nell’Aula Consiliare, ha visto notevole concorso di popolo che, dai vari interventi, ha potuto conoscere le motivazioni di un riconoscimento così singolare. L’amore a Fonni ha visto Padre Pili forte difensore della presenza francesca nel momento in cui tutto il paese trepidava nella paura del peggio.

Magistrale l’intervento di Padre Salvatore Morittu, Custode della famiglia francescana sarda, che ha ricordato il contributo di Padre Dario per far rinascere, dalle rovine, il Convento, inserendolo in un progetto vasto di una offerta di proposta spirituale a tutto il centro Sardegna.

DOMENICA 26 OTTOBRE FESTA DEL CIAO

L’A.C.R. dopo le lunghe vacanze estive riprende le attività formative con l’appuntamento tradizionale della “Festa del Ciao”.

La scalata alla Punta La Marmora e il vivace Campo-scuola alla Madonna del Monte hanno alimentato l’entusiasmo che farà fare passi avanti alla esperienza formativa su misura dei nostri ragazzi in dialogo con le famiglie.

Ragazzi, iniziate a scaldare i motori e a svegliarvi: la festa vi attende!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



INAUGURATO L’ANNO ALLA MATERNA “DON BURRAI”

Sabato 27 settembre, con una semplice cerimonia nella Chiesa di S. Croce, è iniziato ufficialmente. Protagonisti i bambini attorno all’altare alla presenza dei genitori. Hanno accolto il messaggio di Dio attraverso i simboli della luce, della gioia, del camminare insieme. La sosta davanti al Crocifisso e alla Madonna di Fatima è diventata preghiera.

Ogni anno si ripropone l’atto di coraggio per andare avanti, data la strana condotta dello Stato che per ogni alunno della paritaria spende 600 euro, mentre per ogni alunno della sta-tale ne spende 6000, cioè dieci volte tanto.

Solo in Italia capita ciò, contrariamente alla Spagna, Francia, Germania ecc., dove non esiste una così ingiusta discriminazione.

Eppure andiamo avanti grazie alla fiducia delle famiglie che dimostrano di apprezzare la valenza educativa della nostra scuola. Di ciò siamo grati.

Non cessiamo di sperare che il governo cambi politica.

1^ ELEMENTARE: AUGURISSIMI!

GITA E PELLEGRINAGGIO A PARIGI

Dall’8 al 12 Settembre 25 persone della nostra comunità ed altrettante della zona di Olbia, hanno fatto un “viaggio – pellegrinaggio” a Parigi e alla Cappella della Medaglia Miracolosa.

Parigi è Parigi – come andava ripetendo continuamente Penelope, la nostra bravissima guida - che, in così pochi giorni, è riuscita ad illustrarci le bellezze e il fascino di questa meravigliosa città che si stende sulle rive della Senna.

La Tour Eiffel, il monumento più famoso, non certo il più bello, simbolo della stessa città, l’Arco di Trionfo, la passeggiata sui Champs Elysèes, l’Opera, il più grande Teatro lirico del mondo, Notre Dame, la famosa Cattedrale e poi la tanto attesa Cappella della Medaglia Miracolosa dove la Vergine apparve ad una novizia delle Figlie della Carità, Santa Caterina Labourè.

Qui abbiamo avuto ben due celebrazioni con la guida attenta e discreta di don Antonello e poi la maestosa basilica del Sacro Cuore con le sue bianche cupole sulla sommità della collina di Montmartre. In questa basilica, da 125 anni, si pratica l’adorazione perpetua giorno e notte e noi abbiamo avuto la non facile opportunità di un momento comunitario di preghiera.

Infine la famosa Reggia di Versailles e il famosissimo Museo del Louvre dove potresti rimanere per giorni ad ammirare le opere d’arte degli artisti delle varie epoche.
Non poteva mancare il tour di Parigi di notte quando la città e gli stessi monumenti assumono un fascino particolare.

Tutto si è svolto in un clima di grande gioia e cordialità, grazie alla grande professionalità di Renata e con il risultato di un arricchimento umano e culturale e spirituale che ogni viaggio porta con sé.

CATERINA MUNTONI


FONNI CALCIO PARTE BENE

Se il buon giorno si vede dal mattino la giornata sarà radiosa. Il Fonni inizia la stagione col botto espugnando il campo dell’Oristanese, una delle favorite del girone, con un gol in chiusura (in foto) da parte di Giuseppe Costa, giocatore di classe e volontà. Uno che si alterna nei campi di calcio isolani e missioni in Afganistan, con mamma e babbo e amici in supertensione.

La squadra è guidata magistralmente da Giacomo Coinu, costretto a esultare al 90°, non ricordandosi delle sei costole fratturate, ma gasato dalla grande soddisfazione di tutta la tifoseria locale. Passati in vantaggio con Peddoni, siamo stati raggiunti su calcio di rigore, ma il gol di Costa in chiusura ha rimesso le cose a posto. Molti i tifosi presenti a Oristano compresi i pastori della zona e numerosi studenti provenienti da Cagliari che hanno incitato la squadra a dimostrazione che, nonostante la retrocessione continua ad avere un seguito, grazie anche a tutto l’impegno del direttivo con in testa Michele Mattu.

Le iniziative si susseguono, molte e apprezzate dai tifosi che vengono coinvolti in modo che ognuno di noi dica: questa è la mia squadra.

Peppino Mulas

RICORDO DI DON SALVATORE FANCELLO

E’ morto improvvisamente un mese fa, durante una gita alla marina di Sorso con i suoi ragazzi di Cala Gonone.
La notizia ha suscitato profonda emozione in tutti coloro che lo avevano conosciuto, ma anche rimpianto perché la nostra diocesi ha perso uno dei sacerdoti migliori per vivacità pastorale e preparazione culturale.

Lo ricordiamo in queste pagine perché Monte Spada è nato insieme a Cala Gonone Notizie da un progetto comune, maturato e realizzato nei frequenti incontri con Don Fancello, con affinità di temi e interscambio di materiale. La lunga amicizia che ci legava risale agli anni del seminario minore quando lo ebbi alunno nelle medie. Si rinsaldò nei 9 anni di mio collaboratore nella Cattedrale di Nuoro dove potei apprezzare e incoraggiare la vivacità del suo stile pastorale, la gioia del suo essere prete, la originalità di porsi in dialogo con tutti rifuggendo da ogni chiusura bigotta.

Veniva spesso a Fonni e io ricambiavo le visite a Cala Gonone. D’inverno portava sulla neve i ragazzi dell’oratorio e si lanciava col loro nei nostri prati innevati. Era sempre disponibile a mettersi al servizio della nostra comunità, Quest’anno ha presieduto la Messa solenne della festa di San Giovanni Battista pronunciando una omelia breve ma incisiva. Negli anni scorsi partecipava alla Giornata dei Malati nella novena del nostro Patrono. Per questo molti ricordano con stima e affetto questo piccolo prete mancato a 59 anni, mentre era in dirittura d’arrivo per la prima pietra della Chiesa parrocchiale di Cala Gonone dedicata a San Giovanni Paolo II.

L’ultima sua venuta risale a martedì 2 settembre, tre giorni prima della morte, per prendere l’acqua e raccogliere le more per i suoi ragazzi. Una immagine molto bella del suo donarsi di educatore.

Tutti ci auguriamo che il suo testamento venga raccolto e realizzato: la nuova chiesa per la nuova comunità che sognava. (Pietro Puggioni)

 

 

 

Angolo del buon umore

FOTO DI CLASSE
I bambini hanno appena fatto la foto di classe. La maestra cerca di convincerli a comprarne una copia.
- Pensate, bambini, quando sarete grandi guarderete questa foto e direte. “Questa è Milena, ora è avvocato, o, questo è Davide, è diventato dottore…”
All’improvviso Pierino dal fondo della classe.
- E questa è la maestra… è morta da dieci anni!

IN VISITA DALLA NONNA
Pierino va a trovare la nonna con un amico. Mentre bevono il tè, l’amico inizia a sgranocchiare delle noccioline su un vassoio. Quando stanno per andarsene, l’amico di Pierino ringrazia la nonna per la scorpacciata di noccioline. Al che la nonna:
- Ma figurati! Da quando porto la dentiera riesco solo a succhiare la cioccolata e le noccioline che stanno dentro mi avanzano sempre...

LIBERTA’
Due amici al bar:
- Sai, mia moglie si lamentava spesso che voleva più libertà...
- E tu?...
- L’ho accontentata: ho allargata la cucina...

E I DENTI?
Una vecchietta con la febbre molto alta telefona al dottore.
- Dottore, dottore, ho la febbre!
Lui: - Stia calma, signora e mi dica: le battono anche i denti?
Lei: - Ah, no, dottore, quelli sono sul comodino...porto la dentiera!

INGRASSARE
- Dottore, dottore, dottoreeeee! Sono ingrassata di settanta chili!
Il dottore: - Non si preoccupi, signora. Adesso la visito. Apra la bocca e dica: muuuuuuuuuh

FESTA DA BALLO
A una festa da ballo i genitori portano anche Pierino che si annoia maledettamente finchè non decide di invitare a ballare una splendida ragazza mora: “Signorina, posso aver l’onore di ballare con lei?”
“Oh, guarda che sfrontatezza… io non ballo con un bambino…”
“Oh, mi scusi… non pensavo che fosse incinta!”

VOTO DI POVERTA’

Un frate, dopo aver fatto voto di povertà, viene spedito a Reggio. Alla stazione:
- Un biglietto per Reggio, per cortesia”
- Reggio Emilia o Reggio Calabria”
- Beh, mi dia quello che costa di meno.

 

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK