Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Monte Spada - n. 68 DICEMBRE 2014

Periodico della Parrocchia S. Giovanni Battista di Fonni Tel. 0784 57008 (Cell. 3283010085) - Email: donpietropuggioni@gmail.com

STAMPA

La scommessa del Natale

di Pietro Puggioni

Il presepio del Natale di quest’anno arriva con nuovi personaggi.

Gli zampognari suoneranno le tristi nenie della crisi che vanifica le tredicesime e fa lacrimare i portafogli delle famiglie. I pastori porteranno a Gesù le amare lamentele per il latte che non frutta e il bestiame assottigliato dalle malattie. Le deboli luci delle casette e quella stessa della Capanna ricorderanno le inesorabili bollette. Il mormorio di qualche fontanella e la stessa stagnola argentata per mimetizzare i fiumi racconteranno l’irrompere dei pirati di Abbanoa. Giuseppe e Maria raccoglieranno dai genitori lo smarrimento nel vedere i figli, rapinati del futuro e della dignità della possibilità del lavoro.

Sulla scena dei nostri presepi arriveranno gli echi delle guerre e delle esplosioni di follia di tanti paesi e del lavarsi le mani dei moderni Pilati.

Eppure possiamo anzi dobbiamo scommettere anche su questo Natale.

I pastori hanno scommesso tutto sull’annunzio degli angeli correndo il rischio di non trovare il bestiame al ritorno dell’alba. Gli abitanti di Gerusalemme sono rimasti bloccati in casa, incapaci di lasciarsi sorprendere dal Dio della Bibbia a loro tanto familiare.

Fonni affronterà la scommessa di questo ospite scomodo e difficile amico che è il Cristo del Natale?

C’è il rischio di rinunziare alla scommessa o fermarsi alle mezze scommesse di una messa, di una tradizione religiosa. Natale è l’arrivo della Luce dentro la notte, dell’Amore dentro l’egoismo, della Speranza dentro la solitudine, della Verità dentro lo smarrimento.

Come ogni pastore ha chiamato i vicini, così mi auguro che Fonni abbia la gioia del passaparola per trovarci tutti davanti al Cristo del Natale che scalda la vita e il cuore.

L’ADI incontra Papa Francesco

Il 5 novembre, all'udienza con papa Francesco, ha partecipato un nutrito gruppo dell'Associazione Diocesana Insieme (A.D.I.) di Nuoro e tra loro anche 29 di Fonni. Nell'aula Paolo VI, dove avevano trovato riparo dalla pioggia, il Papa ha salutati uno per uno malati e accompa-gnatori. Questo era il motivo principale del viaggio, ma son stati tanti i momenti da ricordare: giro panoramico della città, visita e celebrazione eucaristica a San Pietro, Santa Maria Maggiore e San Giovanni in Laterano, visita ai musei vaticani. A conclusione del viaggio, nel santuario romano del Divino Amore, il vescovo mons. Mosè Marcia, insieme a don Francesco Mariani e a don Giampaolo Muresu ha celebrato la S. Messa raccomandando a tutti i pellegrini, a conclusione, di fare tesoro della grazia vissuta in questi giorni.

60 anni ... e sempre più giovani

Gradito e festoso l’appuntamento della Leva 1954 per ricordare una tappa così importante della loro vita, solennizzata dalla S. Messa celebrata dal “fedale” don Michele Casula.


VOLTI E COSE DI CASA NOSTRA

VISITA DEI SEMINARISTI DI NUORO

Domenica 16 novembre le due Comunità parrocchiali hanno avuto la gioiosa sorpresa di condividere la Eucaristia domenicale con gli alunni del Seminario di Nuoro, accompagnati dai loro Educatori, don Antonello Tuvone e don Luciano Monni.

Hanno presentato il problema della chiamata di Dio ai giovani per la missione sacerdotale. Fonni, dopo la consacrazione di don Roberto Carta, non ha avuto alcun seminarista. Il perché, oltre al mistero della libertà di Dio va individuato nella maturità della comunità cristiana, nella vita cristiana delle famiglie, nella formazione dei ragazzii e dei giovani.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


FONNI 6 -7- 8 DICEMBRE 2014
CORTES APERTAS “MAMMAS - LE MADRI”

Cortes Apertas 2014 dal tema "Mammas - Le Madri", un filo conduttore di tradizioni millenarie, di arti e mestieri che, con grande orgoglio, la nostra comunità custodisce gelosamente. Un intreccio di Saperi, Colori, Profumi e Sapori dove la mano della donna è protagonista. Lei, la Madre del Creare, la Madre Terra, la Madre in Festa, la Madre Sacra a cui affidare la nostra più grande ricchezza, ossia la cultura, la storia e le tradizioni del nostro paese.

ANNA CICALO’ CONSIGLIERA NAZIONALE DEL MEIC

Anna Cicalò è stata scelta come rappresentante della Sardegna nel Consiglio Nazionale del Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale, uno dei Movimenti dell’Azione Cattolica Italiana.

L’Assemblea generale è stata convocata a Fiuggi nello scorso ottobre. Il Meic è presente a Nuoro dal 1997 e conta una trentina di iscritti e numerosi simpatizzanti, tutti impegnati in una serie di iniziative di incontri pubblici sui principali temi di carattere etico e sociale.

A nome di tutti gli amici di Monte Spada registriamo con piacere questa bella notizia, complimentandoci con Anna e augurandole di poter realizzare iniziative sempre più incisive nel tessuto diocesano.

Piccole cronache di Fonni (L’Unione Sarda del 29 03 1919)

Circolo di lettura. - Dopo che il Dio Marte — cinto di alloro — ha deposto le armi, la vita tende a risvegliarsi come era “ante bellum “ (prima della guerra). Da oltre due mesi si è qui costituito un Circolo dì lettura che conta oltre trentacinque soci, con l'abbonamento a dieci giornali, e speriamo che que-sta volta, mercé l'attività del Presidente Dott, Marchi abbia vita.
Un valoroso ufficiale - E’ rientrato - festeggiato dagli amici - il valoroso sottotenente Stefano Duras - completamente guarito dalle ferite riportate in un eroico combattimento, nello scorso autunno.

Strada comunale - La strada comunale che da Fonni conduce alla traversa della Nazionale di Ga-voi, va sempre in rovina a modo che non solo non possono transitare le vetture e gli automobili, ma neppure i preada-mitici carri sardi. Eppure è una strada tanto interessante per il commercio e la Provincia dovrebbe farla accomo-dare al più presto possibile.

Corriere soppresse - Isolati, lontani dalle Stazioni ferroviarie il governo ci ha tolto ogni comunicazio-ne col consorzio civile. E’ stata soppressa la corriera Orani-Sorgono e Fonni-Lanusei. Fra breve scade l’ap-palto della corriera Fonni-Nuoro e così avremo un procaccia pedone…

E le corse automobilisti? Finiranno come le famose Ferrovie del sig. Bancalari.

Ci hanno scritto...

Quando abbiamo accettato la proposta di prendere il priorato del Rosario, nonostante fossimo coetanei, eravamo quasi dei semplici conoscenti. Questo rincontrarci ci ha portato a conoscerci meglio e riscoprirci donne e uomini maturi. La collaborazione, a volte gioiosa ma anche difficile, ha fatto nascere dei sentimenti di stima e affetto reciproco. Di questo dobbiamo essere grati alla nostra Madonna del Rosario che ci ha voluti, ci ha scelti per essere accudita come una mamma, e noi con amore filiale lo abbiamo fatto con molto impegno e serietà.

Il nostro compito come priori del Rosario è finito, ma lasciamo la Madonna in buone mani. Evidentemente Lei si è trovata bene con la leva del 64 perché ha scelto due di noi per continuare questo cammino e questo ci rende doppiamente fieri. Auguriamo ad Antonella e Tore e rispettive famiglie un buon lavoro per l'anno che li aspetta.

Che la Madonna vi guidi e vi conceda le grazie di cui avete necessità.

Un ringraziamento speciale a Padre Mario Mattu per averci supportato e sopportato con fraterno affetto, pazienza, disponibilità e tanta bonaria ironia. Grazie a padre Marino e padre Antonio che abbiamo imparato a conoscere e ap-prezzare durante la novena.

A fra Pier Gavino, nuovo parroco, auguriamo che la sua semplicità e umiltà siano esempio di vita per l'intera comunità parrocchiale, convinti che con la sua fede, simpatia e solarità darà bella testimonianza a Fonni. I Priori uscenti: Leva 64, con i simpatici giuratini Cristian Murrocu, Giovanni Curreli e Marco Cadau.

Angolo del buon umore

COME SI CHIAMA
Come si chiama la campionessa di discesa libera giapponese?
Mo Kado!
E il più bravo autista italiano? Guido Maluccio!
LA BICICLETTA
Un bambino chiese a sua madre: “Mamma, perché hai la pancia così grossa?” E la mamma risponde: “Perché aspetto la sorellina per te”. Il bambino esce fuori e vede alla fermata un signore molto grosso e gli domanda: - Signore, lei cosa aspetta? E il signore: “Aspetto l’autobus”. E il bambino : “Se le nasce una bicicletta me la può dare a me?
TRA AMICI
“Sono preoccupato, mia moglie passa le sue serate da un bar all'altro””. “Ha il vizio del bere?” “No, ha il vizio di cercarmi “
RICORDI
Mio padre adorava andare a caccia ma purtroppo era vegetariano e invece di sparare agli animali andava a sparare ai funghi.
TRA AVARI
"Bello il tuo orologio".
"Me l'ha venduto mio padre sul letto di morte!".
LA BENEDIZIONE
Un giovane spericolato va dal parroco per farsi benedire la nuova moto. E il parroco:
- Te la benedico volentieri, però sappi che l’acqua benedetta arriva al massimo ai 150 chilometri all’ora.
Il giovane: - E oltre i 150 chilometri?
- Più oltre ci vuole l’olio santo!
PRESENTAZIONE
Due signori si incontrano in paradiso e si presentano.
Il Primo: “Piacere, perito industriale!”
Il secondo: “Piacere, perito tragicamente”.
SUORE IN TRATTORIA
Marito e moglie entrano in trattoria e prendono posto ad un tavolo vicino e due suore, in attesa di essere servite. Cerca-no di capire a che Ordine religioso le due suore appartengono. Non riuscendo, ad un tratto, il marito si alza e chiede gentilmente alle due suore: - Sorelle qual è il vostro Ordine?”
- Minestrone di fagioli!

 

 

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK