Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

La poesia dell’ollolaese Maddalena Frau All’Università della Terza Età di Quartu

di Francesco Casula

Condividi su:

Mercoledì prossimo alle 16, nell'Aula Magna in Viale Colombo 169/d, nel Corso di lingua e letteratura sarda, Francesco Casula parlerà della figura e della poesia di Maddalena Frau.

Maddalena Frau è nata a Ollolai (NU) il 30 aprile 1945 e vive a Sanluri (CA). Insegnante elementare dal 1967 al 2006 nella provincia di Cagliari, ha iniziato a scrivere versi in lingua sarda (sia nella variante logudorese che campidanese) circa una quarantina di anni fa e ha arricchito le sue conoscenze linguistiche attraverso corsi di aggiornamento professionale e da autodidatta.

Si è sempre adoperata nella scuola con lo scopo di promuovere, salvaguardare e valorizzare la lingua, la letteratura e la cultura sarda, insegnandola.

Nel 2002 ha pubblicato una parte della sua produzione poetica nella silloge Lugore de luna (Luce lunare). In cui “canta” i ricordi, i giochi dell’infanzia e gli affetti; in cui nello smagato e tenero ricordo dell’infanzia, arcana e felice, si affolla un mondo di figure vive e fraterne, che la poetessa canta e vagheggia in modo commosso ma mai svenevole.

Ma Maddalena Frau canta anche la fede e la dimensione religiosa, particolarmente sentita e vissuta dalla poetessa, che illumina, vivifica e aiuta l’esistenza.

E dedica anche alcune poesie a Sos males de su mundu (I mali del mondo): tra cui i sequestri, l’AIDS, la droga, l’emarginazione degli anziani e l’inquinamento della civiltà (o inciviltà?) industriale, con la terra che non produce più fiori perché sono abbaidos cun venenu (innaffiati con veleno).

Nel 2006 ha pubblicato Sas meravillas de Don Bosco, un’altra silloge poetica: un vero e proprio poema sacro e poema epico sul fondatore dei Salesiani. Scrive a questo proposito Renzo Cau, in una magistrale analisi critica della silloge: “Se è vero che Sas Meravillas non può essere definita una biografia e per la selezione dei fatti irradianti l’ispantu (la meraviglia) e per la conseguante operazione di sintesi a cui è sottoposto il materiale biografico, non si può negare che il genere cui più si avvicina sia quello epico. Il racconto in versi infatti è tipico del poema. Anche i gosos (composizioni religiose e poetiche popolari antiche) rientrano nel genere epico, sebbene abbiano uno sviluppo embrionale. E M. Frau a questi si ispira, dando però alla composizione ben più ampio respiro”.

Nel 2011 ha pubblicato Tramas de seda,  un libro di poesie e filastrocche, ninna-nanne, duru-duru e scioglilingua, modellate in strutture giocose, scherzose, onomatopeiche e iterative, che hanno proprio le movenze del tipo della filastrocca, della canzone, dell’indovinello, del non sense di matrice popolare ma che l’Autrice sottopone a un trattamento e a una rielaborazione personale e originale.

Sta per pubblicare con Edizioni Grafica del Parteolla la sua quarta Silloge poetica intitolata Undas.

Molte poesie contenute in Tramas de seda vengono cantate con successo dalla cantante sarda folk Silvia Sanna, (accompagnata da Antonello Pulina e da Marino Melis alla chitarra e da Antonio Pirastru all’organetto).

Stessa sorte era toccata ad alcune poesie della silloge Lugore de luna, cantate da Silvia Sanna ma anche da un gruppo musicale milanese, “Contrabbandieri di Conchiglie”, ricalcando sonorità particolari simili a quelle di De Andrè e di Rino Gaetano.

Il fatto che le poesie di Maddalena Frau vengano musicate e cantate non deve stupire: nei suoi versi che sembra carezzare e coccolare, mostra infatti una naturale attitudine al canto, alla canzone, soprattutto popolare. Tanto che, nelle liriche più belle e suggestive, quando la poesia si flette più agevolmente, riesce a creare sinfonismi e fonie, onomatopee e cromatismi, ritmi e assonanze, attraverso una tessitura metrica lineare e abilmente alleggerita con invenzioni di movimenti e scatti musicali che consentono all’Autrice di giocare a suo piacimento con la materia, che tratta e canta, costruendovi pregevoli architetture linguistiche e musicali.

In questi ultimi anni ha iniziato a partecipare a vari concorsi di poesia sarda, ricevendo significativi  premi e riconoscimenti: fra gli altri ha vinto il primo premio a Ploaghe (SS), nel Concorso di poesia satirica “Larentu Ilieschi” 2010, con la poesia S’Aipoddu.

Ma ecco alcune sue belle e significative poesie,.

 

S’AIPODDU

 

Efisineddu andat in sa strada

cun s’origa attaccada a s’Aipoddu

e, a cropus de gambas e de coddu

fueddat cun sa musica Repada.

 

In sa busciacca de su cratzoneddu

ci ficchit su lettori musicanti;

de musica moderna deliranti

si ndi prenat su coru e su xrobeddu.

 

A cratzonis calaus a mesugonna,

a cufiedda cun su lecca-lecca

ndi bogat su macchini ‘e discoteca

cun Paf Daddi, Beionse, Madonna…

 

Baddendu Roch En Rollu iscadenau,

e Tecno e Fanchi sbanda-sbanda

si callincunu ddi fait domanda

non bidi e no intendit: stontonau!

 

Cun s’Aipodu fintzas in sa scola:

Tu-tum! Tu-tum! Su filu chiassosu,

su discenti modernu gioiosu

de letzioni fait sa cassola.

 

Si corcat e si pesat Efisinu

Cun s’origa attaccada a s’Aipoddu

Pappat e dormit a corpus de coddu,

a sartius in domu e in camminu.

 

Su babbu allirgu, tziu Piriccu Soddu

Cun sa mammai totu affainada

Impari si dda faint sa repada

A sartieddus e corpus de soddu…

Cun s’origa attaccada a s’Aipoddu.

 

UMBRAS ISMENTIGADAS

 

Palas a sole umbrande

in terra a coda lada

tzias iscrariande

sutta sa contonada

 

Donni borta ‘e die

cuntentas, puntuales

si sediant inie

sas bighinas negales.

 

Tiravant sa corria

a mossos e a ungrèddas

sa vida consumìa

umbrande in sas mureddas.

 

Prenavant sos cherrìgos

corves e coinzòlos

de brullas, de antigos

contos amorazòlos…

 

Curriat sa livria

apetigande tottu

pistande s’iscrarìa

in su tempus connotu.

 

Cussas manos nodosas

tottu pinnicronadàs

nde torrvant grabòsas

bellas innadigàdas.

 

Nde faghiant trumentu

cussas manos nieddas!

Ite divertimentu

pro sas criaturèddas!

 

Sas novas de sa bidda

contavant a ispàntu…

Su fragu de s’armidda

punghiat cada tantu.

 

Sa roba meriande

su pastore dormiu

tzias iscrariande

in beranu e istìu.

 

Bolavant sos puzònes

supra de s’iscrarìa

pintàda a pibìones

de seda colorìa.

 

Sas corves a trintzèra

poniant in su carru…

E Basili cun Pera

pipande a zigarru.

 

Nde faghiant camminu

a piccu de sudore…

e pro carchi sisinu

pro ozu e pro laore.

 

–E corves! E cherrigos!

naravat cudda tzia

in sos tempos antigos

foras de bidda mia.

 

Corves e canistèddas

comporavat s’istranzu

Sutta sas murighèddas

naschiat su balanzu.

 

Cussa manos nodosas

tottu l’as appo amadas,

galànas e grabosas…

Umbras ismentigadas.

 

 

Però sa Musa mia

Mi ghirat cun su bentu

Da boghe e cudda tzia…

Umbras de Gennargentu.

 

–E corves! E cherrigos!... –

Mi cantat donni die

–E corves e cherrìgos!

A comporare benìe!... –

 

 

FORA ISCORIA NUCLEARE

Fora iscoria nucleare

de venenu colorida!

Fora, atesu, mai in sa vida

muntonarzos de nuscare!

Sa Sardinna a la sarvare

est mutinde totu unida!

 

Est s’iscoria nucleare

de su mundu àliga fea.

Fora de sa terra mea

si la depent interrare

o, si nono, apicare

a su tzugu a vida intrea.

 

Cussos macos e tinzosos,

chene anima nen coro,

si l’abbratzent su tesoro,

che lingotos pretziosos,

sos bidones putzinosos

a pudire in dom’issoro!

 

Zai chi totu ant impestau

distruinde sa Natura,

sa moderna butadura

si la tenzant a costau,

a tzimentu fravigau

in sa domo a s’ intradura.

 

Cherent fagher de Sardinna

muntonarzu natzionale…

regalande unu mortale

crancu ’e vida prus indinna

a sa nostra terra dinna

de bellesa e de gabbale.

 

No lis bastat su chi ant fatu

in cuddu tempus colau!?

Brusiau e isbuscau…

Cantu dannu e disacatu

pigandeche su recatu

de su populu isfrutau! ....

 

Totu no-che sunt leande

su terrinu e sa salude…

sa betzesa e  zobentude…

A zogu nos sunt pigande.

Pesae totus cantande

a difender sa salude!

 

E sos amministradores

no atzètent cosa gai!

In Sardinna mai mai!...

Solu matas e fiores

e profumos e colores

in sa terra de mannai!…

 

A sas Istitutziones

de Guvernu Italianu

lis pedimus una manu

de rispetu a sas pessones

de sas generatziones

de su populu isolanu.

 

A sos sardos un’apellu

cun corazu cherzo dare:

fortemente a refudare

de nos ponner a tropellu

che a bestias de masellu

prontos a no-che papare.

 

 

Fortes, cun coro galanu,

iscritores, zornalistas,

cun poetas e artistas

ischidae a su manzanu…

A s’ingannu rufianu

aberìe sas pibiristas!

 

Si nde peset su Nuraghe

cun Zigante ’e Monte ’e Prama,

de Sardinna antiga fama,

narande:-Cherimus paghe!

Rezistrae in su condaghe:

“Fora iscoria dae Mama!

 

Fora, atesu sos bidones

de cuss’aliga de morte!

Fora de sa nostra corte

fragos de perditziones!

Fora iscorias e cannones,

e de imbentos de morte!”-

 

Sardos, amigos, cantade

disterrados cun amore

pro difender cun ardore

cudda sarda dinnidade,

de Sardinna identidade,

de cultura e de valore!

 

Fora, atesu fuliade

sas iscorias de dolore!

Sa Sardinna est de mirare!

Non si vendet pro dinare!!!

Sa Sardinna est de mirare!

Fora iscoria nucleare!

 

 

S’ISTRESSE

Una tzia de chent’annos

si la cantat tesse-tesse:

-Oje minores e mannos

nachi ant totus s’istresse…

Ih, a casta ’e maledia!

No nd’aio intesu mai

dae cando so naschìa

maledia mala gai!

 

A chie curret in presse,

semper a molinadura,

nachi li pigat s’istresse

e no si nd’agatat cura.

It’errore! Oi! Ai!

Mai Deus cherzat mai!

 

Eh!…Toccat a andare abellu

e cun pasu cada tantu

ca si nono su cantzellu

s’aperit de campusantu.

Sa vida est una chimera:

una drittu, una a imbesse,

ma cun fide e  preghiera,

no imbucat cuss’istresse…

 

Sa moderna maledia

si sich’intrat, arguai!

Ih! Pro more ’e Deus sia(t)!

In tottube che sunt gai!...

Innoghe e in Continente

cantu tribulat sa zente!

E… toccat  a cumpadesse

ca  tenent totus s’istresse !-

Condividi su:

Seguici su Facebook