Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Contas e Uniceb. Filiera dell'agnello a rischio: per Pasqua sosteniamo i pastori

| di a cura della redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Mangia locale non è solo uno slogan ma un appello accorato per attenuare le grosse perdite al quale sta andando incontro la filiera dell’agnello sardo.

L’emergenza sanitaria del Coronavirus rischia di trascinare nel baratro le principali filiere della nostra economia agricola. Fra queste sicuramente quella dell’agnello che in vista della Pasqua rischia una ennesima perdita stimata dal Consorzio dell’agnello di Sardegna Igp oltre 7 a livello regionale (20milioni di euro a livello nazionale).

“Siamo a ridosso di Pasqua, che insieme al Natale rappresenta il momento di maggior consumo dell’agnello – dice il presidente del Contas Battista Cualbu -. Attualmente sono pronti 350 mila agnelli da latte, 150mila dei quali Igp di Sardegna. Solo con l’aiuto di tutti possiamo scongiurare l’ennesima calamità per i pastori”.

Il Consorzio è attivo su più fronti.

“Stiamo chiedendo interventi straordinari ed immediati al Governo per promuovere misure di sostegno urgenti per l’agnello da latte italiano come l’ammasso privato ed un premio alla macellazione con regole trasparenti e condivise che tutelino allevatori e macellatori” evidenzia il presidente del Contas Battista Cualbu.

“Ma occorre anche attivare con urgenza una campagna di promozione per incentivare il consumo dell’agnello italiano all’insegna del claim: ‘Salva le tradizioni tipiche della nostra cultura e aiuta i pastori italiani’ sostengono Cualbu e Carlo Siciliani presidente Uniceb (Unione importatori esportatori industriali, commissionari grossisti ingrassatori macellatori spedizionieri carni bestiame e prodotti derivati).

Ma l’appello è anche alla grande distribuzione e agli italiani: “quest’anno sarà una Pasqua anomala per tutti – sostiene Battista Cualbu – ma non per questo dobbiamo rinunciare di portare a tavola il simbolo della festività pasquale, l’agnello. Compriamo italiano, compriamo l’agnello con il marchio Igp di Sardegna, rispetteremmo la tradizione e sosterremmo concretamente i pastori. Allo stesso tempo chiediamo un impegno ai supermercati e i punti vendita affinché facciano squadra e promuovano l’agnello Igp di Sardegna”.

a cura della redazione

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK