Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Giovani di Belvì e Gavoi per la seconda volta in Croazia grazie ad un progetto Gioventù in azione

Si è parlato anche di spopolamento e del dimezzamento delle classi

Condividi su:

Dal 25 al 30 settembre 2013 quattro giovani di Belvì e Gavoi si sono recati in Croazia per partecipare, per la seconda volta, ad un'iniziativa giovanile transnazionale promossa dalla Consulta giovanile di Zlatar (Croazia) nell'ambito del Programma europeo ''Gioventù in azione''.

Il progetto !1..2...Action!'', in linea di continuità con il progetto implementato a Zlatar, in Croazia, nel mese di aprile, ''Being Young in the EU'' (Essere giovani nell'Unione Europea), ha rappresentato un'occasione di incontro e confronto sul tema della cittadinanza attiva e delle elezioni del Parlamento Europeo, previste per il 22-25 maggio 2014.

I giovani barbaricini hanno potuto svolgere diverse attività. Per citarne alcune, una simulazione di Parlamento europeo incentrata sul tema della lotta contro l'omofobia, una visita alle scuole primarie di Belec, un incontro con gli insegnanti durante il quale sono state analizzate le tristi similitudini legate alla dispersione scolastica, lo spopolamento ed il conseguente dimezzamento delle classi, presentazioni e degustazioni di prodotti tipici, ecc.

I giovani hanno avuto, inoltre, l'opportunità di partecipare ad un festival della cultura popolare e delle tradizioni caicaviche a Zlatar e visitare luoghi straordinari, come il centro storico di Zagabria, la città sostenibile di Varasdin, la Chiesa barocca di Santa Maria delle Nevi a Belec, eretta nel 1741 e con una decorazione interna di grande ricchezza, e il castello gotico di Trakošćan, costruito nel XXIII secolo come sistema di difesa della Contea croata nord-occidentale.

''1...2...Action!'' è l'undicesimo progetto Gioventù in azione al quale il Comune e la Consulta giovanile di Belvì partecipano in qualità di partner di invio o capofila.

Il Programma Gioventù in azione promuove l'educazione non formale, i progetti europei di mobilità giovanile internazionale di gruppo e individuale attraverso gli scambi e le attività di volontariato all'estero, l'apprendimento interculturale e le iniziative dei giovani di età compresa tra i 13 e i 30 anni.

Condividi su:

Seguici su Facebook