Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Bagarre in Consiglio Regionale e aula occupata durante la discussione sul patto di stabilità

Arbau: "basta con le dietrologie e discutiamo per i nostri Comuni"

a cura della redazione
Condividi su:

La minoranza occupa il Consiglio Regionale. Questa la conclusione della seduta di questo pomeriggio che all’ordine del giorno prevedeva la discussione sul patto di stabilità e sulle recenti novità economico – finanziarie ottenute dalla giunta Pigliaru.

“Un atto che si commenta da solo e che rappresenta l’assenza di una volontà di dialogo da parte della minoranza sulle questioni urgenti che riguardano la Sardegna” dichiara il consigliere regionale de La Base Efisio Arbau. E ancor prima che cominciasse la bagarre che ha bruscamente interrotto la discussione e che ha obbligato il Presidente del consiglio Gianfranco Ganau a convocare una riunione di capigruppo, nel suo intervento Arbau dice della minoranza “non gli interessa discutere sul merito delle azioni, non gli interessa ragionare sugli spazi finanziari e del bilancio di cassa che redigeremo”

“Per il momento - secondo il consigliere barbaricino - non siamo una Repubblica indipendente, teniamone conto -. Noi siamo un’articolazione dello stato italiano. E questa situazione va superata. Va superato questo regionalismo a favore dell’ottenimento di un sistema fiscale sardo. E’ inutile però continuare a ragionare sul passato delle azioni compiute dalle scorse legislature, ma bisogna pensare al presente con uno sguardo ad esempio agli enti locali a cui dobbiamo dare risposta immediata”.

E proprio sull’accordo siglato a Roma continua “discutendo con lo Stato centrale sui circa 600 milioni di Euro di accantonamenti, possiamo eliminare il fardello del patto di stabilità agli enti locali, assumendo in capo alla Regione la responsabilità di rimanere nei limiti. In questo modo eviteremo loro tutta quella burocrazia che non serve a niente”.

Condividi su:

Seguici su Facebook