Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Matteo Ladu"abbiamo presentato un progetto per aprire una baby ludoteca a Ollolai"

A cura della redazione
Condividi su:

Novità dal Centro commerciale naturale le Botteghe di Hospitone di Ollolai. A presentarle è il giovane presidente Matteo Ladu, che a meno di un anno dalla sua elezione dimostra di avere le idee chiare su come far funzionare l’associazione “con dei progetti pratici e concreti che mirano ad arginare alcuni dei problemi più sentiti dalla comunità, in particolare i servizi che ci stanno tagliando”.

Ed in questa direzione va il primo progetto presentato il 12 gennaio scorso dalle Botteghe di Hospitone. “Abbiamo partecipato a un bando della Fondazione Banco di Sardegna – dice il presidente – in cui abbiamo coinvolto il Comune, la cooperativa Sa Sabea, l’associazione S’Istrumpa e la Polisportiva Barbagia. Si tratta di un progetto di 30mila euro per avviare la baby ludoteca, rivolta ai bambini dai 12 ai 36 mesi, e attività di avvio allo sport per ragazzi dai 4 ai 14 anni”.

“Un programma utile che mira a migliorare la vita della nostra comunità – precisa Matteo Ladu -. Da una parte colmiamo il vuoto lasciato dalla partenza delle suore, con l’asilo nido, dando un servizio richiesto e atteso dalle giovani coppie e dall’altra, invece, abbiamo programmato delle attività sportive per il doposcuola rivolte ai giovanissimi, insieme a due società che ci invidiamo tutti: la Polisportiva taekwondo che in questi anni ha portato il nome del paese ai vertici dello sport nazionale e l’associazione S’Istrumpa, che ha avuto il merito di codificare e tramandare lo sport dei sardi”.

Un progetto tra l’altro, sottolinea Ladu “che abbiamo presentato a costo zero, in quanto non ci siamo avvalsi di alcuna consulenza. E se finanziato porterebbe 30 mila euro che verranno spesi interamente ad Ollolai; così come locali saranno le figure chiamate a realizzare il progetto: anche per l’asilo nido si darà priorità alle nostre professionalità”.

Condividi su:

Seguici su Facebook