Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

EVENTO ANNULLATO DESULO. Il 26 la presentazione di due libri che "mettono in discussione il paradigma dell'archeologia sarda"

| Categoria: Letteratura
STAMPA
Paolo Littarru e Mauro Peppino Zedda

Aggiornamento del 25 settembre 2020. 

 È stato annullato l'evento di presentazione di due libri che era in programma per domani a Desulo. Il direttivo dell'associazione Paensieri ha preso questa decisione dopo aver consultato le autorità competenti. La causa è legata alle avverse condizioni meteorologiche previste per domani, che, oltre a pioggia e forti raffiche di vento, riguardano anche un brusco calo delle temperature. Questo avrebbe reso difficoltoso rispettare tutti i protocolli per il contenimento del Covid-19, impedendo di svolgere parte dell'evento o la totalità di esso all'aperto o, eventualmente, di arieggiare correttamente i locali.

<Siamo rammaricati di dover annullare, con così poco preavviso, questo appuntamento con l'archeoastronomia che aveva già stuzzicato la curiosità di molti- afferma la presidente di Paensieri, Daniela Melis - . Purtroppo le previsioni meteo avverse non ci permettono di fare altrimenti. L'evento è così al momento sospeso in attesa, soprattutto, di un rientro dell'emergenza sanitaria, aggravatasi nei giorni scorsi in alcuni paesi dell'interno. Anche se Desulo è escluso da questo elenco, non c'è alcuna volontà di rischiare da parte nostra>.

La serata in questione prevedeva la presentazione di due libri: "Il contadino che indicava la luna. Storia di un cambio di paradigma nell'archeologia sarda" (Aracne editore, 280 pagine, 2019) di Paolo Littarru e "Nel segno di Orione. Da Sia (Osiride) al Sardus Pater. Gli atlanti di Monti Prama" (Agorà Nuragica edizioni, 190 pagine, 2020) di Mauro Peppino Zedda. L'evento è rinviato a data da definirsi.

 

 

 

 Sabato 26 settembre a Desulo si terrà la presentazione di due libri strettamente connessi l'uno all'altro. Entrambi mettono in discussione il paradigma scientifico dominante dell'archeologia sarda, compresi gli stessi studi di Giovanni Lilliu. Alle 18 la sede di San Sebastiano, gentilmente concessa dall'omonima associazione, ospiterà Paolo Littarru, 49 anni, ingegnere per l'ambiente e il territorio di origini desulesi, e Mauro Peppino Zedda, 57 anni, cultore di archeoastronomia e archeologia. Sono autori di due volumi che spiegano l'uno come i nuraghi siano collocati seguendo un orientamento astronomico e l'altro come le tombe di Antas e Monti Prama siano rivolte verso il sorgere della costellazione di Orione nell'epoca presunta di costruzione dei siti. L'evento, organizzato dall'associazione Paensieri di Desulo, si svolgerà nel rispetto delle norme anti Covid-19.

I libri protagonisti della serata sono "Il contadino che indicava la luna. Storia di un cambio di paradigma nell'archeologia sarda" (Aracne editore, 280 pagine, 2019) di Paolo Littarru e "Nel segno di Orione. Da Sia (Osiride) al Sardus Pater. Gli atlanti di Monti Prama" (Agorà Nuragica edizioni, 190 pagine, 2020) di Mauro Peppino Zedda. Il primo racconta la vicenda del pionere e autodidatta Mauro Peppino Zedda, stesso autore dell'altro volume che verrà presentato a Desulo, che trent'anni fa or sono intuì, dopo un'attenta osservazione dei resti nuragici nel suo paese, Isili, che i nuragici avevano letteralmente messo il cielo in terra, di fatto "cosmizzando" una valle. Dopo aver esposto le sue teorie ai massimi studiosi mondiali di archeoastronomia, riconosciute e facenti parte oggi di pubblicazioni internazionali, Zedda ha una seconda intuizione, che è oggetto del suo recentissimo "Nel segno di Orione". Partendo dall'osservazione della necropoli di Antas a Fluminimaggiore e da quella di Monti Prama a Cabras, culturalmente affini, Zedda riconosce infatti l'analoga disposizione delle tombe, che guardano, ancora una volta, alle stelle e a una precisa costellazione.

I due volumi risultano essere così complementari e aprono un dibattito nell'archeologia sarda. Gli autori, in base a studi e ricerche dettagliati, offrono nuovi argomenti sui quali riflettere e fatti da osservare. Durante la serata desulese dialogheranno con Daniela Melis, giornalista e presidente di Paensieri. Seguiranno intervento del pubblico e dibattito.

L'ingresso alla sala è consentito indossando la mascherina e sarà a disposizione soluzione idroalcolica per l'igiene delle mani. I posti saranno distanziati e sarà garantita regolare aerazione del locale nel rispetto delle norme anti Covid-19.

Paensieri è un'associazione nata a Desulo nel 2018 per diffondere cultura a partire dai piccoli paesi. Oltre a varie attività culturali sui social, si occupa dell'organizzazione di eventi culturali.

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK