Partecipa a labarbagia.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

FONNI. Continua la protesta dei 28 studenti: nessuna risposta da parte delle istituzioni chiamate in causa

redazione
Territorio
Condividi su:
redazione

A tre giorni dall’inizio delle lezioni nessuna risposta è arrivata ai 28 studenti di Fonni. La protesta continua ad oltranza, finché non si otterrà lo sdoppiamento dell’unica classe a cui son destinati i giovani al primo anno delle scuole medie.

Genitori, alunni, amministrazione comunale si sono uniti per attirare l’attenzione sulla evidente impossibilità di esercitare il diritto allo studio di questi 28 ragazzi e hanno scritto richiedendo un intervento immediato al presidente Pigliaru, al direttore dell’Ufficio scolatico regionale Francesco Feliziani, all’Assessore Claudia Firino; a Rosa Sanna, dirigente dell’istituto comprensivo di Nuoro da cui dipende la scuola di Fonni, e a Mario del Rio dirigente dell’ufficio scolastico provinciale .

Oltre al numero di studenti, in evidente sovradimensione rispetto agli ordinari parametri numerici, anche l’edificio che dovrebbe ospitare la scolaresca non è idoneo, poiché “secondo la normativa vigente, una classe dovrebbe ospitare al massimo 26 studenti, compresi gli insegnanti”, sottolineano genitori e amministrazione comunale.

Alla proposta da parte dei dirigenti scolastici, di smantellare un’aula più grande, attualmente adibita ad aula informatica, la risposta è stata categorica: “ciò non è coerente con la tanto acclamata politica della buona scuola, in quanto priverebbe gli studenti di Fonni dell’unico luogo dove approfondire una materia diventata fondamentale nella formazione di buoni studenti”.

Condividi su:
redazione

Seguici su Facebook