Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Il presidente del Consiglio Regionale al sindaco di Desulo sul grave atto intimidatorio

Solidarietà anche per l'atto intimidatorio di Quartu

| di Ufficio Stampa Presidenza Consiglio Regionale della Sardegna
| Categoria: Attualità
STAMPA

«Ieri minacce di morte contro il sindaco di Desulo, oggi a Quartu un attentato dinamitardo contro il comune. Ancora due episodi, gravissimi e inquietanti, che minacciano e non possono che condizionare l'attività amministrativa dei nostri paesi e delle nostre città».

Il presidente del Consiglio regionale della Sardegna, Gianfranco Ganau interviene ancora per manifestare piena solidarietà dell'Assemblea sarda alle due  amministrazioni comunali colpite da minacce e pesanti atti intimidatori che ormai davvero per puro caso non hanno drammatiche conseguenze.

«Spirito di emulazione? Certezza dell' impunità? Sono le domande – dichiara il presidente Ganau – che mi pongo e sulle quali invito a riflettere, ribadendo quanto già affermato più volte negli ultimi mesi.  Ringrazio anche per questo la deputata del PD, Romina Mura – aggiunge il presidente del Consiglio – che ha ben accolto, presentando nei giorni scorsi un'interrogazione in Parlamento, l'importanza della risoluzione consegnata al Ministro Alfano durante il vertice a Cagliari  sulla sicurezza in Sardegna: siamo stati chiari nei confronti del Governo – aggiunge Ganau – serve rafforzare subito la presenza delle forze dell'ordine nei comuni sardi e definire il prima possibile una norma ad hoc da introdurre nel sistema penale italiano,  che riconosca, nello specifico, l'attentato contro i pubblici amministratori».

«'Non un uomo in meno nelle strade e più investimenti in sicurezza', sono state le parole pronunciate  in quell'occasione dal Ministro dell'Interno – conclude il presidente Ganau – senza un intervento di questo tipo, difficilmente, si potrà arginare un fenomeno sempre più preoccupante. L'invito che ho lanciato nei giorni scorsi di sedersi attorno ad un tavolo e ragionare seriamente su quanto sta accadendo, vuole essere l'occasione per affrontare l'emergenza a trecentosessanta gradi: disagio sociale, azioni precise da mettere in campo per il rilancio economico e sociale della Sardegna, rispetto degli impegni da parte del Governo sulla sicurezza in Sardegna».

Ufficio Stampa Presidenza Consiglio Regionale della Sardegna

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK