Rimani sempre aggiornato sulle notizie di labarbagia.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Coldiretti. Blitz in viale Trento con gli agricoltori danneggiati dagli animali selvatici

| di Coldiretti Sardegna
| Categoria: Comunicati Stampa | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
Danni dopo il passaggio di cinghiali (immagine tratta da www.lagazzettadelserchio.it)

Una trentina di agricoltori della Coldiretti hanno lasciato le campagne e in questo momento si trovano in viale Trento per lanciare un SOS alla Giunta regionale sui danni provocati dagli animali selvatici che distruggono i raccolti agricoli, i terreni e si mangiano i pesci per un danno stimato in diversi milioni di euro.

In tutta la Penisola questa mattina la Coldiretti sta denunciando alle Istituzioni “una situazione insostenibile che sta mettendo in ginocchio agricoltori, allevatori e pescatori e causando seri problemi, oltre che economici, ambientali” afferma Battista Cualbu, presidente di Coldiretti Sardegna. “Chiediamo interventi urgenti che garantiscano la sopravvivenza delle imprese agricole in equilibrio con la natura”.

Il confronto con l’Amministrazioni regionali, ha l’obiettivo di discutere l’utilità dei provvedimenti di prevenzione e controllo e gli effetti dei danni provocati dalla fauna selvatica all’agricoltura che coinvolge le imprese agricole in tutto il territorio regionale. “Di fronte al moltiplicarsi dei danni provocati da nutrie, corvi, cinghiali, cervi, cormorani ed altri animali insieme agli agricoltori – dice il direttore di Cildiretti Sardegna Luca Saba - chiediamo una
riforma della disciplina che garantisca l’indispensabile presenza delle aziende agricole a tutela del territorio”. E’ stato anche elaborato un documento di base. Si tratta di una prima proposta da approfondire ma che rappresenta l’avvio di un comune percorso di lavoro per arrivare ad una più efficace e ampia analisi degli interventi finalizzati ad organizzare forme di programmazione di lungo periodo. Le tipologie di danni alle colture agrarie e agli allevamenti sono ormai di proporzione così rilevante – secondo Battista Cualbu - da rendere insufficiente l’accantonamento delle risorse finanziarie regionali, così che occorre rivedere le modalità di distribuzione delle risorse nazionali e regionali al
fine di garantire i fondi necessari per coprire i danni stimati”.  

 

Coldiretti Sardegna

Contatti

redazione@labarbagia.net
mob. 347.0963688
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK